* Chirone in Ariete fino al 2027 : io torno in contatto con ciò che io sono, e qualunque cosa sia, io la manifesto. Così il nuovo cammino.

Chirone nella mappa astrale di nascita rappresenta la Ferita Karmica, la cui guarigione è il momento in cui entriamo in contatto con i nostri talenti e risorse.

La sua qualità in luce rappresenta la coscienza del nuovo umano.

Dal 2012 esso è in transito nel Segno dei Pesci e sta portando a guarigione la prima ondata di Bambini delle Stelle scesi sulla Terra tra il 1960 ed il 1967. 

Il 17 aprile 2018 Chirone è passato in Ariete, il primo Segno, che non sa dove andare ma sa di doverlo fare. Non ha nessuno da seguire, per cui è insicuro, tuttavia è un Segno di Fuoco, e come tale deve stare in movimento.

E’ l’Io che comincia a farsi strada. 

Chirone nel suo transito in Ariete rappresenta la guarigione della ferita del Non-Riconoscimento, aiutandoci a trovare il nostro posto nella vita. 

In questo caso il corpo fisico diventa estremamente importante quale strumento di navigazione a nostra disposizione, di cui prendersi cura per prenderci cura dello Spirito.

Non c’è separazione tra il mondo spirituale ed il corpo fisico.

Non possiamo frequentare seminari e poi tornare al vecchio sé il giorno dopo.

Ci deve essere il momento in cui qualcosa dentro di noi si spacca e rompe l’attuale equilibrio o fase di stasi, creando uno spazio in cui le nuove informazioni si incuneano nel fertile terreno interiore e da lì promuovono il cambiamento. Ciò che accade è che ci si fa carico del processo di crescita, ci si prende la responsabilità di ciò che si sente. 

Il 17 aprile 2018 Chirone è entrato in Ariete dove rimarrà fino al 2027.

Si tratta di un corpo celeste lento, che entra in moto retrogrado per 6 mesi all’anno. Quando questo accade quel tipo di Archetipo spinge l’umano a riconsiderare ciò che è già accaduto, entrando in una pausa di riflessione, dove ogni cosa sembra fermarsi. Si tratta dell’inizio della fase di orizzontalizzazione dell’energia.

Quando questo accade è necessario fermarsi, per poter assorbire quello che la verticalizzazione ci ha portato, altrimenti rimane tutto nell’alto e non scende nei Chakra bassi e quindi non diventa vita.

Il periodo in cui la maggior parte dei pianeti entra in moto retrogrado è estate nel nostro emisfero. Si comincia tra marzo ed aprile ed è un movimento che riguarda i pianeti lenti, quelli che si trovano lontani dal Sole. In poco tempo a volte si arriva ad avere fino a cinque pianeti retrogradi, fin verso settembre, mentre Urano e Nettuno proseguono fino alla fine dell’anno.

Quando sentiamo di vivere un momento in cui non riusciamo a muoverci, è importante non farlo, rimanendo fermi. 

Molte volte vale la pena di farsi trovare anziché andare a cercare. In quel momento  stiamo seguendo il corpo, anziché farsi seguire faticosamente dalle sue somatizzazioni. Il corpo è molto connesso con i raggi planetari, ne è direttamente esposto.

Quando ci fermiamo, smettendo di dibatterci come pesci in una rete, stiamo attivando la sincronicità, che è l’insieme dei segnali che ci portano verso un dato obiettivo. Se corriamo intorno spaventati dal fatto di non trovare nulla, non riusciamo a stare fermi nel punto in cui quella cosa arriva ad incontrare noi.

Ci vuole un cambio di coscienza, che può corrispondere all’entrare in contatto con la propria ferita, che significa smettere di avere paura, non avere paura del dolore che portiamo dentro, perché esso non è che una piccola parte della nostra totalità, e in quanto tale, non ci rappresenta nella nostra complessità e multidimensionalità.

Quando sentiamo quel dolore, quel vuoto, abbiamo i mezzi necessari per affrontarlo. Prima di tutto il nostro respiro. Se non abbiamo un bel rapporto con il nostro respiro, nulla accade nella vita. Le difficoltà nel trovare l’amore, un lavoro soddisfacente o una bella qualità della vita, possono avere origine nella paura che blocca il respiro dal suo fluire circolarmente fuori e dentro di noi.

Bloccando tutto nel Terzo Chakra, nella bocca dello stomaco, nel diaframma, fermiamo tutto in quel punto, impedendo che l’energia scenda nei Chakra bassi e che diventi vita. In questo senso è molto importante portare l’attenzione sul retro dei Chakra, il punto di connessione sulla schiena. Lì ci sono le porte di ricezione, ed è importante che siano aperte. Se non riceviamo, non prendiamo nulla. Aprire il retro dei Chakra è un grande atto d’amore e di fiducia: significa che sentiamo di meritare amore e che ci fidiamo che esso arrivi fino a noi.

La vita è abbondanza. Basta stare fuori dalla Paura, fare il salto oltre a quello stato di coscienza. 

Il 17 Aprile 2018, Chirone è entrato in Ariete, portando guarigione del senso di non riconoscimento

io torno in contatto con ciò che io sono, e qualunque cosa sia, io la manifesto.”

***************************************************************************************************************************

Un altro dono interessante che ci viene fatto quest’anno è un sano senso del distacco, cioè avere una giusta misura delle cose, vederle in una prospettiva più ampia, cioè riuscire a manifestare le proprie emozioni elaborandole.

In questa elaborazione, nel sentirsi degni di poter dire la propria, nel non avere paura di ciò che si è, si rivela l’amore, quando andiamo a prenderci tutto ciò che ci appartiene.

Ogni volta che ci permettiamo di dire no, difendendo il territorio, difendendo noi stessi, emaniamo una luce fortissima, che crea un movimento energetico magnifico.

Aumento l’autostima grazie a quel no detto.

Dire no vuol dire creare un confine e noi dimostriamo di poterlo fare.

Stiamo dentro a ciò che siamo, felici di starci. Se vogliamo guarire il senso di non riconoscimento, dobbiamo essere noi i primi a dire chi siamo, perché gli altri non lo faranno per noi, non è il loro compito.

Il compito è il nostro e Chirone ce lo ricorda.

Esso è il bambino dimenticato dentro la nostra pancia, è lì che piange e ci fa venire la malinconia, sentire tristezza, che spesso compensiamo con il cibo, o le dipendenze di qualsiasi natura.

Nel mettere a posto la relazione con ciò che si nasconde nel profondo, andiamo a prenderci cura delle dipendenze.

****************************************************************************************************************************

Un altro aspetto di Chirone è il senso di dovere/piacere.

Poiché l’Ariete è l’archetipo dell’adolescente, quanto quel ragazzino, quella parte vitale, è stato incastrato dai no, o quanto lo abbiamo lasciato libero di manifestare la sua energia? Ognuno di noi ha un punto Ariete nella propria mappa, quindi ciascuno vivrà questo tipo di percorso nella vita, in riferimento ad un dato settore.

Quanto ci concediamo di stare nel piacere, di ridere, e quanto invece viviamo nella doverizzazione, essendoci dimenticati il piacere cosa sia? 

Urano e Chirone stanno collaborando tra loro nell’aiutare l’umano a fare pace con se stesso.

Da tempo di inseguono, Chirone nei Pesci, Urano in Ariete, poi Chirone in Ariete e Urano in Toro. Dal 2011 Urano ci chiede: Chi sei tu? Contemporaneamente Chirone sta tuttora (fino al 16 aprile 2018) guarendo la ferita dell’abbandono. Ora, con i nuovi transiti, la domanda Chi Sei Tu? si trasforma in Io Sono di Chirone in Ariete, che ci aiuterà a riconoscerci, riconoscere il nostro Io Sono.

Transitando in Toro, Urano porterà luce nelle modalità di somatizzazione, visto che il Toro è il corpo fisico.

Noi siamo frutto delle nostre somatizzazioni, il linguaggio emozionale non espresso ma vissuto dal corpo. Urano viene a portare luce in questo ambito, portando ad apertura situazioni emozionali stagnanti e vecchie.

E’ sempre più necessario entrare nel profondo e da lì abbattere le porte chiuse, facendosi aprire da chi quel Profondo lo abita, così che ciò che si trova lì si riattivi, mostrandosi, così da farci fare esperienza.

Poiché il Toro rappresenta anche le radici, Urano potrebbe spingerci a diventare nomadi, a spostarci, viaggiando ed esplorando l’ignoto.

Dovunque si trovi il Toro nella nostra mappa, lì avverrà l’apertura.

Il viaggio che sto spiegando va ben oltre il Segno zodiacale, che rappresenta il punto in cui si trovava il Sole al momento della nostra nascita.

Quest’ultimo illustra le qualità della nostra personalità, mentre invece qui si sta parlando di andare ad esplorare gli antichi patti d’anima ed andare oltre ad essi. Il dono portato da questi due Archetipi è molto grande: la libertà dalla paura, e la paura è radicata nel dolore.

Chirone rappresenta la Ferita karmica che ci riporta sulla Terra; abbiamo scelto quel tipo di disagio o sofferenza per ricordarci chi siamo attraverso essa, sperimentandola nella prima parte della nostra vita, per poi portarci a guarigione.

Dovunque si trovi l’Ariete, in quel settore della mappa di nascita, lì c’è la guarigione.

Queste le osservazioni che mi hanno più colpito e che voglio condividere, ma se volete sapere di più questa è la fonte:

https://ashtalan.blogspot.it/2018/02/chirone-in-ariete-e-urano-in-toro.html

*La Luna Nuova in Vergine ci offre gli strumenti giusti per aprire il Cuore e colorare il mondo


Oggi 20 settembre 2017 alle ore 05,31 UTC la Luna è diventata Nuova in Vergine a 27° gradi, congiunta con il Sole, entrambi Archetipi femminile e maschile.

A quasi un mese di distanza dalla potente Eclissi di Fuoco, ora i Luminari ci accompagnano dentro l’Elemento Terra, a cui appartiene il Segno della Vergine e ci mostrano come ri-costruire se stessi alla luce della nuova frequenza con cui siamo entrati in contatto dalla fine di agosto in avanti.

Insieme alla Luna ed al Sole, la Vergine ospita in questo periodo Venere (il senso del piacere, il sentimento percepito, 0°), Marte (l’azione che esprime il sentimento, l’urgenza, la grinta – 9°), Mercurio (i cinque sensi fisici, la Mente, la Comunicazione – 12°) e la Parte di Fortuna (ciò che ci dà gioia fare, 23°).

Anche l’Ascendente del Novilunio calcolato all’ora UTC (Coordinated Universal Time) cade a 24° del secondo Segno Zodiacale di Terra. 

Ogni pianeta in Vergine vuole farci conoscere il senso di misura, di ordine, di gerarchia.

Con questa grande presenza (Stellium) in questo Segno siamo chiamati ad assumere un atteggiamento di analitico distacco, così da lasciar sedimentare tutto quello che si è manifestato nelle ultime settimane, ogni tipo di squilibrio emozionale, di enorme apertura del Cuore da cui è emerso tanto.

Questo è il tempo di fare ordine, di dare ad ogni situazione il contesto giusto.

Dopo il silenzio del post-eclissi, che ci ha invitato ad assumere la posizione dell’Osservatore, ora siamo confrontati con ciò che è essenziale.

Stiamo operando in previsione del prossimo ingresso in Capricorno del Maestro dell’Anima, Saturno, il prossimo 21 dicembre. Da lì fino al 16 dicembre 2020 saremo concentrati sull’assimilare la visione della nostra essenzialità.

Ogni parola risulterà superflua, assorbiti come ci si sentirà nell’aderire a tutto quello che abbiamo sempre percepito essere vero.

Saturno in Sagittario, tra il 2015 ed il 2017, ci ha permesso di sperimentare una verità nuova che poi nel suo passaggio in Capricorno si trasforma in stato di coscienza.

Ci stiamo preparando a questa totale adesione al Sé, lasciando indietro i drammi emozionali, la sofferenza e la resistenza della mente ad essa.

Ed ecco che il panorama del Novilunio apre alla possibilità di riconoscere ogni tipo di dissonanza che ci ha fatto sperimentare la separazione, quindi la sofferenza nel distacco da noi stessi, dal nostro Oro Interiore, dal senso di appartenenza a qualcosa di molto più grande.

La Luna ed il Sole a 27° della Vergine saranno in opposizione a Chirone retrogrado a 26° dei Pesci, tra la Prima e la Settima Casa (Io Sono/Noi Siamo). Si apre una finestra da cui filtreranno i ricordi legati ad ogni distacco, allontanamento, abbandono, rifiuto subito.

I due Luminari brilleranno con discernimento, lasciando che la visione sia quanto più distaccata possibile da eventuali stati dolorosi, così che, prendendo atto, possiamo girare le spalle con serenità al nostro passato.

E’ l’emersione del ricordo dell’Uno, l’Androgino che eravamo, prima che ci fosse inserito il Corpo Calloso che ha separato i due emisferi cerebrali, portando ad un senso di enorme estraniamento da noi stessi.

Allontanarsi dalle ferite di separazione significa lasciarsi alle spalle lo stato di coscienza che giudica e divide, in favore di una visione di puro Flusso e Respiro libero.

Sarà l’ultima volta che questo Asse Novilunio in Vergine/Chirone in Pesci si attiva. Questo Asse zodiacale ha portato un grande servizio a partire dal 2010, quando Chirone tornò nei Pesci dopo più di 40 anni.

Il servizio è stato quello di insegnare agli umani ad incanalare la forza emozionale dentro le competenze intellettive, affinché le variabilissime sfumature delle espressioni umane possano colorare il mondo in maniera creativa. 

Il 17 aprile 2018 Chirone entrerà in Ariete e andremo a guarire l’immagine di noi stessi, allineando dentro e fuori nel corso di otto anni di transito del Maestro Dharmico in questo Segno di Fuoco, il Pioniere.

Ora possiamo aprire il Cuore lasciandoci attraversare dalle correnti d’amore che faranno risuonare alcune corde speciali.

Non sarà facile, ormai lo abbiamo capito bene, ma abbiamo anche gli strumenti giusti per completare anche questo cerchio.

Stefania Gyan Salila

http://ashtalan.blogspot.it/2017/09/astrologia-intuitiva-novilunio-in.html

* L’ 08/08 /2016 è il Portale del Cuore per costruire la Pace Interiore



888

Entriamo in una settimana molto particolare (ormai non faccio altro che scrivere questa frase, ma così è il periodo, pieno di peculiarità astrologiche), dove incontreremo il Portale dell’ 08/08, momento di massima centratura sulla Vita del Cuore – amore per noi stessi, sentire di essere collegati con il Tutto, sentire di essere amati e sostenuti dall’Esistenza stessa, sentirsi connessi e centrati sul presente.
Se questi concetti sono lontani anni-luce da ciò che viviamo, ciò non significa che non ne avremo a che fare. Probabilmente verrà enfatizzata la mancanza di questi raggi di luce, o meglio, ciò che noi percepiamo come mancanza. Sarà quindi interessante prendere in esame durante questi giorni in quale punto del corpo risuona quella mancanza, con quale organo specifico abbiamo a che fare, quale emozione è custodita dentro quell’organo (una semplice ricerca su google è sufficiente per chiarire l’ultimo punto) e quale risonanza crea in noi quella particolare emozione. Sarà un piccolo viaggio interiore molto rivelatore, se lo permettiamo. 

L’altro evento astrologico importante è la conclusione del transito retrogrado del Maestro dell’Anima, Saturno in Sagittario. Finalmente, dopo quasi 5 mesi, il pianeta che racchiude le memorie delle nostre vite passate torna in moto diretto e scioglie gli antichi attaccamenti, restituendo a ciascuno di noi una visione chiara sui passi da compiere verso la direzione migliore possibile nel nostro qui e ora. Il 13 agosto sarà l’ultimo giorno del suo moto retrogrado e in questi giorni potremo raccogliere intorno ciò che rimane da ripulire, per donarlo definitivamente alla Terra, liberandoci di ogni tipo di dolore, senso di rimpianto, peso dal cuore, resistenza alla vita. Un bel sospiro di sollievo, insomma, a cui potersi preparare bene, assicurandosi di voler lasciare veramente andare quella specifica sofferenza.
Infine, (ho detto che era molto particolare questa settimana!) un altro dono dall’asse Vergine-Pesci, il binomio astrologico che riporta Amore e Ordine nel caos del mondo emozionale.

Giove, negli ultimi gradi della Vergine, si trova in perfetta opposizione al Guaritore Karmico Chirone.

Questo aspetto, contemporaneamente all’apertura del Portale dell’08/08, stimola la Purificazione del Cuore, che è l’abbandono ed il rilascio del rancore, dei vecchi sensi di rivalsa, delle lacrime rimaste inconsolate. Da questo aspetto, dal raggio da esso prodotto, arriva alla nostra coscienza un balsamo sotto forma di una consapevolezza importante che ci permette di dare un contesto al disagio. Oltre tutto quello che ci ha fatto piangere e disperare c’è una luce, profonda e luminosa, una visione molto più ampia dentro la quale il dolore assume un valore diverso. Esso diventa Saggezza d’Amore, e ci permette di accettare, vedendo il cammino fin lì percorso come un sentiero verso la maturità. Così possiamo dire a noi stessi: non poteva essere diversamente, altrimenti non sarei ciò che sono oggi.

E questa è la Perfezione della Vita.

A partire dalla scorsa primavera, i pianeti ci hanno presentato scenari intensi di trasformazione, scie di emanazioni che hanno attivato processi di grande trasmutazione.

energia

Il 2016 è un anno 9, 2+1+6, quindi chiude un ciclo e quando ciò avviene, il raggio di quel ciclo porta via con sé tutto quello di cui l’Anima ha deciso di disfarsi. E noi abbiamo il compito di cercare di portare a consapevolezza di che cosa si tratti. Il che significa rimanere in uno stato quanto più possibile silenzioso, che possa facilitare l’ascolto della Voce Interiore, quella preziosissima parte del nostro Sé che ci vuole guidare con amore verso la Saggezza.

Sappiamo quanto sia difficile raggiungere uno stato del genere, perché il primo caos che incontriamo è dentro la nostra testa. Confusione, chiacchiericcio di sottofondo, il Giudice Interiore, il Bambino Ferito, ecc. Tante parti di noi che dialogano ininterrottamente fra di loro. Per cui, per trovare una soluzione a qualunque problema, dal più basico al più metafisico è necessario allenarsi ad ascoltare il Silenzio. Solo così potremo metterci nella posizione giusta per poter prendere in modo costruttivo i doni da qualunque tipo di transito planetario. Solo così ci porteremo fuori dalla discriminazione tra positivo e negativo e potremo sfruttare al massimo l’esperienza che ci viene portata in quel momento da quel dato tipo di Cielo astrologico.

Detto questo, il Cammino dentro questa estate particolare, intensa, di grande allenamento ad essere fedeli a se stessi, ad amarsi quanto più incondizionatamente possibile, è avanzato tra tanti pianeti retrogradi che ci hanno aiutato a spogliarci del superfluo, a diventare integri e concentrati sul Respiro del Cuore, che tanto nutre e ossigena.

Così siamo giunti al Portale del Cuore, in questi giorni in cui il Sole si posiziona nel segno del Leone, collegato al settore fisico del cuore. A livello simbolico siamo nell’Oro della regalità e tocchiamo la sfera dell’Autorevolezza, che è il lato luminoso della forza, nel momento in cui riusciamo a maturare una luce tale da non aver più bisogno di parole per spiegare nulla. La nostra stessa vibrazione verrà percepita per quella che è, senza scuse, né giustificazioni, stabili in quello che siamo diventati, grati a noi stessi per il coraggio dimostrato. Perché il Cuore possiede il Coraggio. 

E con il Cuore purificato da tutti i transiti planetari sincronici di questi ultimi mesi ci stiamo per affacciare al Portale dell’08/08, di cui ho tracciato il Cielo calcolando gli aspetti planetari alle 00,00 dell’08 agosto, ora italiana.

 

I raggi planetari formano un Pentagono, una figura geometrica ben precisa, ad attivare il matrimonio alchemico tra il Sole e la Luna, la parte maschile e quella femminile. Il Sole a 15° del Leone, regale e magnetico. La Luna a 14° della Bilancia, alla ricerca di Armonia e Bellezza.

Essi formano la base del pentagono, a sostenere e a supportare uno slancio che ci stimola a mettere a fuoco l’Abbondanza che ci circonda e a volerla per noi, a pretenderla, perché ci spetta di diritto in quanto siamo Microcosmi emanazioni del Macrocosmo ed il Cosmo è permeato di puro Amore e in noi circola questo Amore, così come circolano il sangue e la linfa, ed è questo Flusso, tra l’eterico ed il fisico, che ci permette di fare miracoli, nel momento stesso in cui ci sentiamo benedetti dalla Vita, di cui siamo degni portatori.

Il Sole forma un aspetto con l’Ascendente a 17° del Toro, segno di Terra, la spinta della Vita che si radica nel qui e ora. La Luna crea un aspetto con Plutone retrogrado a 15° del Capricorno, altro segno di Terra, la cui forza serve per radicare la spinta idealistica di questa Luna, per spingerla a diventare concreta, così che la Ricerca diventi vera, sentita, sincera e fattibile. Gli ultimi due lati superiori sono formati dall’Ascendente a sinistra e da Plutone a destra, convergenti verso un centro, dove incontrano lo Stellium di pianeti nel segno dei Pesci: Nettuno, la Madre Cosmica, retrogrado a 11°, il Nodo Lunare Sud (punto di partenza evolutivo della mente collettiva) a 13° , Chirone. il Guaritore Karmico, retrogrado a 24°.

PortalHighHeart

La Geometria Sacra si completa nell’incontro dei 4 Elementi: il Sole nel Fuoco, la Luna nell’Aria, Ascendente e Plutone nella Terra e lo Stellium planetario nell’Acqua. Così il cerchio è completo e stabile ed il Portale può portare guarigione efficace. 

Il matrimonio alchemico tra gli opposti si eleva dalla Terra verso il Cielo e trova la sua benedizione tra le braccia amorevoli della Grande Madre Cosmica insieme al suo Bambino delle Stelle. Chiudiamo l’era del dolore, del senso di separazione. Ogni strappo e trauma subito può essere sanato e ricompattato. Possiamo rilasciare la sofferenza, possiamo guardarci con tenerezza.

Possiamo permetterci di sentire e di vedere la possibilità di ricevere. Ricevere ciò che è nostro diritto avere.

Perché siamo vivi. Perché abbiamo scelto di tornare. Perché ci siamo messi al servizio della Vita. E per essere qui ora c’è voluto coraggio.

Ora è tempo di riconnetterci con le Stelle interiori ed attivarle, le nostre preziose e imprescindibili risorse personali. 

( continua:http://ashtalan.blogspot.it/2016/08/astrobollettino-0713082016-equilibrio.html)

Leggi anche:http://www.visionealchemica.com/portale-8-8-nel-compimento-del-9/

http://ashtalan.blogspot.it/2016/08/astrobollettino-0713082016-equilibrio.html

http://ashtalan.blogspot.it/2016/08/nel-portale-dell0808-i-pianeti-formano.html