amore.autostima · anima e corpo · animali · armonia · Comunicazione · cultura · evoluzione · futuro · pensare positivo · Riflessioni · stagioni · stare bene

* Tempo di estate,la stagione delle cicale .E delle formiche. Io sto con le cicale e tu?

 

Chiedo scusa alla favola antica
se non mi piace l’avara formica
io sto dalla parte della cicala
che il più bel canto non vende…
regala!

Gianni Rodari

La cicala e la formica è una favola famosissima, scritta da Esopo e arrivata a noi grazie a Jean de La Fontaine.

E’ una favola che fa comodo agli adulti per modellare i bambini secondo le proprie credenze alla concezione di fatica continua per ottenere una vita dignitosa e soddisfacente.

Morale: per raggiungere qualsiasi obbiettivo ti proponi nella vita devi meritartelo lavorando con fatica e abnegazione.

Io sto con le cicale! Sono sempre stata dalla parte delle cicale.

Da piccola le immaginavo nelle loro vesti dorate sul tappeto verde brillante delle foglie cantare ad ogni ora del giorno e anche della notte, come dive, protagoniste indiscusse dell’estate .

E quelle antipatiche delle formiche, sapientone che non guardano mai verso l’alto e come possono sapere che c’è il cielo azzurro e il sole e le stelle ?

E stanno sempre in lunghe file con grandi e pesanti pesi sulle spalle!

Mai, io cicala, mai andrei a chiedere loro aiuto per l’inverno! Meglio cantare una sola estate!

E poi ci saranno degli altri disponibili a darmi qualcosa da mangiare!

Dopotutto rinascerò fra 17 anni soltanto! ( Ho trovato questa singolare notizia facendo una ricerca .)

Ma prima un pò di storia per supportare la mia preferenza.

Per gli antichi Greci, le cicale erano figlie della Terra o, secondo alcuni, di Titone e di Aurora.

Specialmente gli ateniesi le onoravano: Aristofane rammenta le cicale d’oro, ornamento per i capelli degli Ateniesi nobili all’epoca arcaica e nella celebrazione dei Misteri eleusini in onore di Demetra, era uso portare nei capelli una fibula a forma di cicala, così come durante la celebrazione dei misteri di Era a Samos.

Platone, nel dialogo Fedro, espone il mito delle cicale, secondo cui esse sarebbero nate, per mano divina, dalla metamorfosi di antichi artisti, specie nel campo musicale e dell’eloquenza, che avevano smesso di mangiare e accoppiarsi per amore della propria disciplina.

Secondo Orapollo la cicala simboleggiava l’iniziazione ai misteri, poiché essa, anziché cantare con la bocca come tutti, emette suoni dalla coda.

La cicala era anche simbolo di purezza: seguendo un’errata credenza ripresa da Plinio il Vecchio in Naturalis Historia, XI, 93-94, si riteneva che le cicale si nutrissero di sola rugiada e ciò faceva sì che il loro corpo non contenesse sangue e non dovessero espellere escrementi, e di qui l’idea della purezza.

Il fatto poi che la cicala viva una sola estate ma le sue larve rinascano in quella successiva direttamente dalla terra ne ha fatto l’emblema di una resurrezione a nuova vita dopo la morte persino presso i cinesi.

Per quanto mi riguarda,quando ho un obbiettivo, un sogno da realizzare, il percorso per raggiungerlo è una parte integrante e affascinante .

E’ la programmazione di tutti i passi, obbiettivi intermedi, che mi fanno arrivare fino in fondo.

Tante esperienze anche tanti cambi di rotta. Ma sempre con l’obbiettivo ben un vista. E con piacere di vivere ogni piccolo passo che da ogni esperienza si impara e ci si arricchisce. E ci credo, è una mia scelta, a volte mi sembra di cadere ma il pensiero di raggiungere l’obbiettivo mi fa alzare subito. So che con passione, con amore, con fiducia nelle mie risorse arriverò fino in fondo.

Otterrò quello che voglio.

E’ una mia scelta. Non voglio stare in fila, sarà rischioso? Sarà più divertente e mi scoprirò.

A volte mi è capitato di riconoscere improvvisamente il mio obbiettivo realizzato, tanto ero stata presa dal percorso.

Cara formica “ se ti concentri su una sola stella perderai l’immensità dell’universo” e tu nemmeno sai che ci sono le stelle.

Pensi solo a fare le scorte per una stagione che verrà . E sei sicura che poi quella stagione verrà? Accumuli, accumuli … e se farai indigestione?

E intanto tu hai rinunciato anzi non hai proprio immaginato che ci sia una stagione diversa, che si può esistere in un altro modo, alzando ogni tanto lo sguardo alle stelle, alla luce, a cantare…

Che tristezza ,ma tu non hai nemmeno la gioia di trovare l’obbiettivo raggiunto o meglio non supponi nemmeno che ci sia un obbiettivo diverso.

E già se ti guardassi intorno, se allargassi il tuo punto di vista, già scopriresti una realtà diversa.

Ma come puoi che sei in fila faticando per ottenere un obbiettivo comune ,sì, e l’ha fatto tuo padre, e prima tuo nonno e il tuo bisnonno e… si perde nella notte dei tempi e lo fanno tutti per il nobile bene comune.

Poi arriva improvvisamente un piede grande grande, e a volte nemmeno tanto grande, che cancella tutte le formiche e tutto il tuo lavoro.

E non hai mai cantato una sola estate.

Ma che ne sai come si canta in estate e cosa è l’estate.

Non è un peccato?Non ti sembra una esistenza non vissuta?

Ma che ne sai tu dell’esistenza? Ti hanno insegnato a fare così e ti hanno letto persino le favole per insegnarti a fare così!

Che ti sei persa!

Io sto con le cicale!

Love Laurin

 

Il curioso ciclo di vita delle cicale:

https://sijmadicandhapajiee.wordpress.com/2014/11/25/il-curioso-ciclo-vitale-delle-cicale/

ambiente · amore.autostima · anima e corpo · animali · armonia · arte · cultura · Energia · Leggere · natura · Pace · pensare positivo · Poesia · punti di vista · stagioni · stare bene · usanze

* Cri-cri…quanti grilli hai per la testa?

Cri-cri…Cri-cri…Cri-cri

Questa è la rappresentazione grafica di un suono che molti di noi, in queste sere estive hanno sentito.

E’ il canto di un grillo!

Cri-cri…Cri-cri…Cri-cri

Son piccin, cornuto e bruno

Me ne sto fra l’erba e i fior:

sotto un giunco o sotto un pruno

la mia casa è da signor

Non è d’oro nè d’argento

terra è tetto e pavimento

e vi albergo come un re “.

Giovanni Prati

Gryllus campestris o Acheta campestris è il nome scientifico del grillo che appartiene all’ordine degli insetti ortotteri ensiferi.
I grilli hanno un corpo robusto e tozzo con capo grosso e hanno un colore verde, nero o bruno. Sono provvisti di lunghe antenne, tegmine, e ali posteriori variamente sviluppate, le zampe posteriori sono robuste e adatte al salto.
Amano frequentare luoghi caldi e umidi, preferiscono stabilirsi nei prati.
I maschi emettono caratteristici suoni “cri cri” sfiorando rapidamente la tegmina destra sulla sinistra.
Sono insetti onnivori che scavano, nei terreni arabili, buche e gallerie nelle quali vivono.

Cri-cri…Cri-cri…Cri-cri

Il canto e la presenza stessa dei grilli sono legati a una serie di curiose leggende.

Per i cinesi, ad esempio, questi insetti portano fortuna, e se una persona pura di cuore ne cattura uno, l’animaletto dovrà esaudire un suo desiderio.

Per un cinese tenere un grillo è come per un occidentale possedere un cane o un cavallo. Lo accudisce dandogli da mangiare le cose che predilige: alcuni mangiano solo carote o lattuga, altri solo castagne già masticate dal padrone, altri ancora dei vermi speciali che a loro volta mangiano solo granturco.

I grilli devono fare il bagno: di solito in una tazza di tè appena tiepido.

I grilli vanno poi portati a spasso, un po’ per distrarli, un po’ per dar loro la sensazione che non sono trascurati.

La gente ha tasche speciali in cui tenerli, fatte apposta nell’interno delle giacche o dei cappotti, così che le bestiole possono essere portate ovunque uno vada, comode nelle loro gabbie e piacevolmente riscaldate dal calore del corpo umano.

Nelle varie zone del Brasile la presenza di un grillo indica buone speranze (se è verde), l’arrivo di una gravidanza (se canta in continuazione) o di una malattia (se è nero).

Alle Barbados un esemplare particolarmente canterino indica un’imminente guadagno: guai ad ucciderne uno, se non si vuole rimanere al verde.

Cri-cri…Cri-cri…Cri-cri

La temperatura dell’aria può essere stimata contando quanti cri-cri emette un grillo in un determinato periodo di tempo.

La regola empirica citata da Wikipedia come legge di Dolbear dice di contare i cri-cri del grillo in 8 secondi e poi aggiungervi 5 per ottenere la temperatura dell’aria in gradi Celsius.

Nel blog del “GLOBE Program” vengono riportati i dati grezzi relativi al canto di grilli presso Boulder, Colorado, USA.

Cri-cri…Cri-cri…Cri-cri

Secondo l’ oroscopo degli animali, il grillo è dei nati dal 22 febbraio al 18 marzo.

L’individuo grillo ha piacere nel colloquiare, è un ottimo intrattenitore, sa usare bene le parole e far cambiare idea alla gente toccando i punti deboli di chi lo ascolta.

La professione adatta a questo personaggio sarebbe il politico, ma spesso diventa pesante e non si accorge che annoia le persone. Dotati di un intelligenza lucida e penetrante, nell’amore l’individuo grillo manifesta con prepotenza la sua natura gelosa e possessiva. Il suo pianeta è Urano, il colore l’azzurro.

Cri-cri…Cri-cri…Cri-cri

Quando un grillo salta improvvisamente nella tua stanza...

Il grillo ci sintonizza con nuove vibrazioni e ci aiuta nell’innalzamento dell’intuizione,della sensibilità e della consapevolezza.
I grilli ci insegnano tecniche efficaci di comunicazione, e la comunicazione subconscia ci da’ lo spunto per ottenere ciò che ci e’ necessario e ciò che desideriamo.
I grilli rappresentano la resurrezione, la trasformazione nei vari stadi, come nel processo della muta. Non e’ forse tempo di accantonare vecchie idee per far spazio alle nuove?
Bisogna aspettarsi cambiamenti e nuovi sviluppi che porteranno crescita attraverso la pazienza e la riflessione, così come l’attenzione alle nuove opportunità mentali, emotive e fisiche che si manifestano nella nostra vita.
Questa volta stai cantando la tua canzone affinché venga udita?
E’ tempo di fermarsi nella contemplazione o tempo di slanciarsi verso l’obiettivo che ci siamo prefissi nel lavoro, nelle relazioni, o verso una meta personale, un sogno?
Il grillo ci aiuterà a trovare il giusto equilibrio nelle nostre azioni, usando l’intuizione e la nostra più sottile consapevolezza.

 

 “ Silence and a deeper silence when the crickets hesitate

– Leonard Cohen, “Summer-Haiku”

fonti:

http://infattoria.com

http://sites.google.com

http://www.ilpalo.com

amore.autostima · anima e corpo · animali · armonia · Astrologia · astronomia · cultura · Energia · evoluzione · futuro · meditazione · pensare positivo · Riflessioni · stare bene · Testimonianze

* Il Leone è il Regno del cuore

5394034
I
L REGNO DEL CUORE TRA LUCE E OMBRA 

 

Il 23 luglio il Sole è entrato in Leone, Segno di Fuoco collegato con il Regno del Cuore, e segna il momento più caldo dell’anno dal punto di vista atmosferico.

Il calore espande e porta in superficie, così il momento è giusto per confrontarci con ciò che nel Cuore è contenuto.

Il Leone è il quinto segno dall’inizio dello Zodiaco e nella nomenclatura astrologica antica corrisponde alla zona centrale del torace, dove si apre il Quarto Chakra, il punto del Cuore. 

Leo zodiac sign.



Da un punto di vista evolutivo, è qui che si apre il Portale del Giardino Segreto dove troviamo la pace e superiamo i sensi di separazione e divisione. Il Cuore è un punto fondamentale da esplorare per raggiungere uno stato di equilibrio interiore perché in esso non esiste giudizio né aspettativa, solo un osservare con serenità ciò che è. Quando nella vita sentiamo che è arrivato il momento di cambiare dal profondo, è qui dentro che è necessario rivolgere l’attenzione prima di affrontare le emozioni dolorose posizionate nella profondità dei nostri visceri. Da qui si può partire con la sensazione di poter contenere tutta la sofferenza che sentiamo dentro, perché nel Cuore non esistono confini, solo spazio di respiro e leggerezza.

Il primo impatto, quando ci sediamo quietamente, con gli occhi chiusi ed una mano sul cuore, è quello di irrequietezza, perché molte volte non sappiamo neanche cosa aspettarci. Poi, magari grazie all’ascolto di una musica delicata, possiamo spingere la mente ad immaginare. L’immaginazione è la chiave di esplorazione del cuore. Non importa cosa vediamo. Possiamo imparare a sviluppare la sensazione di accettazione profonda di ciò che c’è, osservando cosa cambia in noi davanti alle immagini che spontaneamente risalgono agli occhi della mente. Così prepariamo lo spazio agli aspetti planetari del momento, visto che presto in Cielo troveremo altri 5 pianeti retrogradi, come è accaduto alla fine di aprile.

Saturno si trova in moto retrogrado in Sagittario già da marzo, e ora sta completando il suo ciclo. Torna infatti diretto il 14 agosto. Esso rappresenta il Maestro Interiore che non vuole farci perdere di vista un obiettivo nella vita che sia più vasto e più ardito di quello che solitamente ci tiene fermi nella zona confort;

Plutone in Capricorno, retrogrado dal metà aprile fino al 26 settembre, blocca le situazioni in crescita perché non siamo ancora pronti per arrivare alla conclusione. E’ necessario attendere di aver integrato altri aspetti di noi stessi;

Nettuno e Chirone nei Pesci, rispettivamente in retrogradazione da giugno e da luglio, ci fanno rivivere gli smarrimenti del passato per aiutarci a comprendere l’origine dei malesseri di oggi.

Ad essi si aggiunge il 30 luglio Urano in Ariete, retrogrado fino alla fine di dicembre 2016, che ci chiede quanto ci sentiamo visti nella vita, se ci rispettiamo, se attiriamo rispetto o se ci facciamo passare sopra.

Tutto questo non è semplice da elaborare, per questo è importante aprire la Porta del Cuore attraverso il respiro, l’osservazione e l’accettazione.

Cuore_Energia

Ovviamente i moti retrogradi portano guarigione, ma sono anche estremamente estenuanti. Ci vuole tanto spazio interiore per contenere ciò che essi vorranno mostrarci.

Per cui armiamoci pure di coraggio ed entusiasmo ed iniziamo il percorso all’interno del nostro Giardino Segreto.


Fonte :http://ashtalan.blogspot.it/2016/07/astrobollettino-2430072016-il-regno-del.html

ambiente · animali · armonia · casa · Comunicazione · Energia · natura · Pace · pensare positivo · scienza · stagioni · stare bene · Testimonianze

* Divieto di accesso alle zanzare

Alle zanzare non piacciono le piante…

giardino-antizanzare

La citronella resta indubbiamente la pianta dal più alto potere anti zanzare! si tratta di un arbustiva perenne che cresce come un cespuglio. La sua forma ricorda un morbido cuscino e le sue foglie ricordano dei fili d’erbra giganti.

img_img_catalog_1_images_243

Il rosmarino ha anche un forte potere anti zanzare: potrete creare delle siepi basse profumatissime. Il rosmarino inoltre fiorisce durante il periodo estivo: dovrete solo ricordarvi di potarlo per dare una forma ordinata al suo cespuglio. Non avrete più zanzare ma avrete sempre a portata di mano un’erba aromatica preziosissima in cucina!

rosmarino500

Un cespuglio di lavanda è un potente anti zanzare: coltivate in piena terra la lavanda e avrete un cespuglio coloratissimo per tutta l’estate! Scegliete il famoso “lavandin” (Lavandula Hybrida), tra tutte la specie di lavanda più profumata in assoluto!

Per una bordura colorata che protegga il vostro giardino dandogli un vivacissimo colore, scegliete invece la calendula: seminatale in piena terra ai bordi di cespugli e non solo le zanzare ma anche tanti altri parassiti delle piante se ne staranno alla larga!

calendula-flower-2

Una pianta di eucalipto vi aiuterà a tenere lontane le zanzare, ma coltivatela in giardino solo se saprete dedicargli le giuste attenzioni: è infatti una pianta che arriva anche ai 25 metri e per essere sicuri che non raggiunga una tale altezza dovrete procedere a una regolare potatura nel periodo primaverile!

Al-centro-una-pianta-di-Catambra-640x340

La Catambra è una pianta che grazie all’elevata concentrazione di catalpolo (una sostanza naturale) esercita una potente azione repellente contro zanzare ed insetti volanti a sei zampe.
Caratterizzata da contenuto in catalpolo quattro volte superiore (confermato da analisi hplc) che conferisce effetto repellente sulle zanzare e quindi mezzo assolutamente biologico.
La catambra quindi non è solo una bella pianta ornamentale ma risulta essere particolarmente efficace contro zanzare e altri insetti fastidiosi. L’azione respingente si esplica per un raggio pari a circa il doppio della sua chioma. Essa può  essere utilizzata sia negli ambienti chiusi che all’aperto; non necessita di particolari cure, vive bene sia all’ombra che al sole, non teme il gelo, non richiede potatura e, può raggiungere l’altezza massima di 3,5 metri. Questa pianta è il risultato del progresso delle nuove biotecnologie che permette di individuare anche nelle piante ornamentali scopi utilitaristici che vanno al di la dell’estetica e della funzione di abbellimento.
In questo senso il panorama degli obbiettivi che ci propone il futuro non ha limiti, proprio perchè oggi  la sensibilità alla salvaguardia dell’ambiente e della propria salute è fenomeno largamente percepito, le piante a difesa della qualità della vita stanno riscuotendo interesse e successo.

Giovanni Ambrogio, papà della Catambra. crede a un eterno paradiso terrestre. Crede che il buon Dio, con il regno vegetale, ci conceda cibo ed ogni rimedio, solo a saperli scovare.  

Da qui la scoperta della ornamentale Catambra, avvicinabile a un clone della catalpa selvatica, pianta portainnesto in tre possibili punti: alla base, a un metro e mezzo d’altezza, sopra i due metri.
Nasce la Catambra e dopo breve acclimatamento rilascia il catalpolo (famiglia glicosidi fenitil- alcoolici) che respinge le zanzare per l’odore, quattro volte superiore a quello sprigionato della catalpa.

Nell’anno la Catambra mette e perde le foglie, ma non fiorisce come la pianta madre.Non ha semi, né si riproduce; resta esemplare unico.

Una lettera del Cnr di Bologna, fra le tante, ne testimonia i pregi: «Piantare la Catambra è un modo efficace per combattere le zanzare e ridurre l’eccesso di anidride carbonica nell’aria».

«Diffidate dalle imitazioni dei furbetti – avvisa il botanico – Qualcuno vende per Catambra piante simili senza effetti benefici. Quella dei miei vivai ha impresso sul fusto un timbro indelebile e sulla chioma porta una etichetta antistrappo. Mi difendo così dalle imitazioni

La Catambra raggiunge il suo massimo effetto tra maggio e settembre. Naturalmente l’effetto repellente va di pari passo con la densità e la salute delle foglie che compongono la chioma.

Leggi anche: “Il Neem non piace alle zanzare”

Fonti:

http://www.ecoo.it

http://www.eugea.it

ambiente · anima e corpo · armonia · astronomia · Comunicazione · donne · Energia · evoluzione · natura · pensare positivo · Poesia · Riflessioni · stare bene · Testimonianze

* Canto alla luna piena

plenilunio

Diana un giorno disse a sua figlia Aradia:

“E’ vero che tu sei uno spirito,

ma tu sei nata per essere ancora

mortale, e tu devi andare

sulla Terra e fare da maestra

a donne e uomini che avranno

Volonta’ di imparare la tua scuola

che sara’ composta di stregonerie….”

Canto di Aradia:

Io sono la Volontà degli Dei

Io sono la Vita

Io sono la Signora del Plenilunio

Colei che ritorna

Per ricordare ai Figli del Cielo

L’Antica Arte

Io sono la Dea dell’Amore

Che stende un mantello di stelle sopra la notte

Io annuncio l’alba e saluto il tramonto

Io possiedo il segreto di ogni incantesimo

Io sono Colei che comanda la folgore

Io sono la rugiada che scende sui prati fioriti

La linfa che scorre nei boschi

Che anima i venti e le acque

Che sposa e feconda la terra

Che nasce nel fuoco e alimenta

La fiamma perenne che grida giustizia agli Dei

Io sono Colei che sconfigge la morte

E spezza le catene della paura

Io sono lo Spirito puro della Natura

Lo Spirito libero dell’Universo

Io sono la Gloria Immortale

Della Verità mai tradita

Io sono l’Amore

Io sono la Vita

Io sono la figlia della Luce Infinita.”

Aradia, dopo aver imparato alla perfezione l’arte della stregoneria, l’insegnò ai suoi discepoli dicendo loro:

“Quando io saro’ partita da questo mondo,

qualunque cosa avrete bisogno,

una volta al mese, quando la luna e’ piena,

Dovete venire in luogo deserto,

in una selva tutte insieme,

e adorate lo spirito potente della vostra regina

di mia madre Diana, e chi vorra’ imparare la stregoneria,

Che ancora non conosce

mia madre le insegnera’ tutte le cose sconosciute.

Sarete liberi dalla schiavitu’!

E cosi’ diverrete tutti liberi!

E come segno della vostra vera liberta’

uomini e donne nei vostri riti

sarete tutti nudi…”

Testi tratti da “Aradia, o il vangelo delle streghe” di C.G. Leland:

amore.autostima · armonia · Comunicazione · evoluzione · gatti · stare bene · Testimonianze · tutte le categorie

* Estate con i tuoi animali

POVERI ANIMALI

Molti animali come cani, gatti e altri animali sono abbandonati dai padroni e spesso li troviamo in mezzo alla strada, nei parchi e ovunque.
La maggior parte degli animali abbandonati li troviamo nel periodo estivo, perché i proprietari vanno in vacanza e non sanno dove tenere l’animale, e allora l’abbandonano. La mia opinione è di non abbandonare gli animali perché sono nostri amici e hanno diritto di essere accuditi ed amati.
Personalmente non conosco persone che hanno abbandonato i loro animali, però ho conosciuto un cane che è stato abbandonato. Io ero in vacanza e un pomeriggio ho visto in spiaggia un cane abbastanza grosso, nero, con delle zecche. Subito ho pensato che fosse abbandonato da molto tempo. Il giorno dopo, mentre facevo un’altra passeggiata, lo ritrovai vicino ai bidoni della spazzatura, allora decisi di portargli i resti del cibo che avevo avanzato a tavola con mia cugina.
Questo problema è molto grave, anche gli animali hanno diritto ad avere una vita decente e felice come la nostra.Per non trovare più animali abbandonati si dovrebbe evitare di considerarli giocattoli e aver pazienza con loro.
Vincenzo  

L’ABBANDONO DEGLI ANIMALI


Quello dell’abbandono degli animali domestici è un problema che si verifica soprattutto nel periodo estivo, perché i padroni di questi animali spesso li abbandonano sulle autostrade, nei cassonetti della spazzatura…, non volendoli portare con sé per svariati motivi, ad esempio perché sono stanchi di loro oppure perché nel posto dove vanno in vacanza non accetta animali. Secondo me gli animali non si dovrebbero abbandonare mai, per nessun motivo perché anche loro hanno il diritto di vivere e di poter avere qualcuno di cui fidarsi. Chi lo fa, molto probabilmente non prova nessun tipo di sentimento, non voglio immaginare come queste persone si comportano con i loro simili.
Questi episodi purtroppo si verificano ovunque e ce ne raccontano molto i giornali, i telegiornali, e alcune trasmissioni. Una volta ho sentito al telegiornale, che un cane era stato abbandonato ed era stato investito da un’auto, un altro era stato buttato in un fiume.
Malgrado ci siano molte pubblicità dove ci raccomandano di non abbandonare gli animali perché hanno bisogno di noi e le persone che lo fanno vengono punite dalla legge, tutto questo purtroppo non riesce a fermare persone senza cuore, che comunque continuano a farlo senza preoccuparsi di che fine faranno questi poveri animali. La situazione secondo me è molto grave e credo che l’unica soluzione sia quella di far capire alle persone che gli animali sono esseri viventi e che anche loro hanno gli stessi diritti che abbiamo noi.
Marco E.

LA PUBBLICITA’ CONTRO LA CRUDELTA’

Questa pubblicità è molto bella perché vuole scoraggiare quelle persone che abbandonano il proprio cane specialmente prima di partire per le vacanze. Adesso la maggior parte degli alberghi, dei campeggi e dei villaggi accettano gli animali e quindi non c’è nessun motivo di sbarazzarsene. Io detesto le persone che compiono simili azioni perché significa che sono insensibili e potrebbero far del male anche al loro prossimo. L’anno scorso d’estate mentre viaggiavo, la mia mamma ha visto sull’autostrada un uomo che faceva scendere dalla macchina il suo cagnolino ed ha messo poi in moto, lasciando il cane lì…
Anche alla televisione ho sentito episodi simili e rabbrividisco al pensiero che questi poveri cani si trovano all’improvviso soli, senza acqua e senza cibo. È una vera crudeltà!!!!
Secondo me le punizioni contro chi abbandona un cane devono essere pesanti:non solo deve pagare una multa salata, ma dovrebbe provare anche il carcere (forse esagero), ma spero che, in questo modo, queste crudeltà finiscano.

Denise 5^C

( http//montessorionline.it)

Abbandonare un animale non è solo un gesto odioso e pericoloso ma è anche un reato previsto dal codice penale (art. 727 c.p. modificato con l’art.1, comma 3 legge 189/2004) punito con un’ammenda da 1000 a 10.000 euro e con la reclusione fino ad un anno.

Sono molte le strutture turistiche aperte anche ai nostri animali da compagnia. E molti sono gli enti che attraverso siti dedicati, aiutano nella ricerca della nostra vacanza ad hoc con cani e gatti al seguito. E’ il caso, ad esempio, del Ministero del Turismo con “Turista a 4 zampe“, dell’ENPA con “VacanzeBestiali“.

Costruire un mondo migliore si può!

http://www.poliziadistato.it