ambiente · amore.autostima · armonia · bambini · buone notizie · Comunicazione · cultura · donne · eventi · futuro · pensare positivo · scuola · stare bene · Testimonianze

*La buona notizia del venerdì:La pedagogia di Reggio Emilia approda all’esposizione universale a Milano

Children_Park

Il metodo Reggio Emilia è stato adottato in molti stati del mondo e ora approda anche all’Expo 2015.

E’ stato, infatti, affidato a Claudia Giudici, la Presidente dell’Istituzione Scuole e Nidi dell’Infanzia di Reggio Emilia, il villaggio dei bambini dell’Esposizione universale che si svolgerà a Milano dal primo maggio al trentuno ottobre 2015. D’altronde la scuola dell’infanzia e gli asili nido di Reggio Emilia sono passati alla storia come eccellenze assolute nella loro unicità e sono stati presi ad esempio in tutto il mondo, specialmente negli USA.

Claudia-Giudici_oggetto_editoriale_620x465

Claudia Giudici ha fatto degli asili pubblici della sua città un punto di riferimento; prima di tutto ha puntato sulla formazione del personale, educatori esperti continuamente aggiornati; poi su gli spazi, pensati e organizzati in modo da stimolare la curiosità, la creatività e l’autonomia dei più piccoli e a favorirne la comunicazione con gli adulti attraverso arredi, materiali e oggetti scelti con cura, tenendo conto delle loro qualità estetiche.

Nessuna formula rivoluzionaria, bada bene a ribadire Claudia Giudici, solo l’applicazione delle teorie di Loris Malaguzzi, grande pedagogista italiano morto nel 1994: il bambino al centro del progetto educativo, un bambino che è visto come soggetto attivo e pensante, invece, che come destinatario di un sapere imposto dall’alto. Gli asili a Reggio Emilia stimolano le capacità espressive e creative dei bambini facendoli vivere in ambienti luminosi, aperti, comunicanti tra di loro e in particolar modo in laboratori “atelier” alla presenza di educatori specializzati in attività artistiche e manuali.

E per questo che adesso, Claudia Giudici con le sue idee e i suoi asili nido, approda all’Expo 2015, per creare e organizzare le aree ludiche, ricreative e educative dedicate ai più piccoli, forse è meglio dire, per i più piccoli e dei più piccoli

 

 

Il Progetto Scuola è la piattaforma di riflessione e condivisione che Expo Milano 2015 dedica alle iniziative rivolte a tutto il sistema formativo: dalle scuole dell’infanzia alle Università.

La visione e i valori della scuola sono determinanti per diffondere i contenuti e garantire l’eredità della manifestazione; per questo docenti e studenti sono invitati a partecipare alla prossima Esposizione.

La sfida di Expo Milano 2015 parte proprio da questo presupposto. Permettere alle nuove generazioni di confrontarsi e formarsi sul Tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” e far sì che il patrimonio generato all’interno delle aule scolastiche di tutti i Paesi sia condiviso con la collettività.

Tramite il Progetto Scuola tutte le scuole potranno compiere un vero e proprio percorso, che, partendo dal lavoro in classe sul Tema di Expo Milano 2015, culminerà nella visita al Sito Espositivo e lascerà una molteplicità di contenuti ed esperienze alle generazioni future.

Durante l’anno scolastico 2012-2013 si è conclusa con successo la «fase pilota»  del Progetto Scuola che ha coinvolto le scuole di Monza, con 39 istituti che hanno realizzato ben 100 progetti.

Forti di questa esperienza positiva e di altre, ad Aprile 2014 Progetto Scuola ha proposto, in collaborazione con il MIUR, una serie di iniziative concorsuali che hanno lo scopo di attivare le scuole sul Tema dell’alimentazione e della sostenibilità e di favorire gli scambi di esperienze sui temi di Expo 2015 anche con le scuole di altri paesi.

I migliori progetti delle scuole, selezionati attraverso i bandi, saranno presentati in Padiglione Italia nel periodo dell’Esposizione Universale.

Tra maggio e ottobre 2015 avranno luogo le visite didattiche e i viaggi di istruzione ad Expo: dopo l’attività progettuale e i concorsi d’idee, gli studenti potranno arricchire la loro esperienza con la visita al Sito Espositivo, attraverso itinerari ad hoc e confrontarsi con i coetanei di altre nazioni.

Conclusa l’Esposizione, verrà restituita alla società un’eredità: i contenuti prodotti sul tema saranno raccolti e diffusi attraverso tutte le piattaforme web messe a disposizione da Expo 2015.

Fonti:
:http://www.blogtaormina.it/2014/11/13/expo-2015-la-pedagogia-di-reggio-emilia-approda-allesposizione-universale-a-milano/192936
http://www.progettoscuola.expo2015.org/progetto-scuola/il-progetto

 

ambiente · architettura · armonia · buone notizie · cultura · evoluzione · Riflessioni · Testimonianze

* Come eravamo: la Fiera Universale di Londra nel 1851

Expo-1851-Londra-2-700x560

Ci avviciniamo al 2015, anno in cui l’Italia si appresta ad ospitare a Milano la nuova fiera universale, dedicata questa volta alla sostenibilità del nostro futuro.

La fiera si chiamerà “Expo 2015 Milano: Nutrire il Pianeta. Energia per la vita.”

Ma dove hanno avuto inizio queste fiere internazionali? Ecco alcune illustrazioni di quella che fu la prima grande fiera di questo tipo: si tenne presso l’Hyde Park di Londra, nel lontano 1851 e durò dal 1°Maggio all’11 Ottobre. A quel tempo si chiamava Great Exhibition of the Works of Industry of all Nations, ovvero “Grande Esposizione delle opere dell’Industria di tutte le Nazioni”.

Stand-Expo-2015-700x538

L’esposizione universale di Londra fu promossa dal principe Alberto, Henry Cole, Francis Fuller, Charles Dilke e da altri membri della Royal Society of Arts come celebrazione delle moderne tecniche industriali e probabilmente per rispondere all’Esposizione Industriale Francese che si era tenuta a Parigi nel 1844.
Per l’occasione venne costruito il celebre Crystal Palace (“Palazzo di cristallo“), un’enorme edificio in ferro e vetro.

Crystal_Palace_from_the_northeast_from_Dickinsons_Comprehensive_Pictures_of_the_Great_Exhibition_of_1851._1854-700x380

Il successo fu notevole, con oltre 6.000.000 di spettatori! Circa un terzo della popolazione dell’allora impero britannico. Ci furono anche reazioni contrarie, come quella di Marx che la considerò una dimostrazione del feticismo per il consumo da parte del capitalismo. Mentre molti altri nobili erano preoccupati che una così grande folla avrebbe potuto portare a proteste e sommosse nelle piazze, mettendo in pericolo loro e la Regina Vittoria, che invece insistette molto a favore della fiera e venne personalmente ad inaugurarla.
Non solo non ci furono problemi, ma tutti rimasero impressionati dall’esposizione delle più avanzate tecnologie dell’epoca, e questo portò a riproposizioni della stessa idea di base (quella di un’esposizione universale delle nazioni) anche negli anni a venire, fino ad arrivare a noi.

Expo-1851-macchinari-700x438

http://en.wikipedia.org/wiki/The_Great_Exhibition

Illustrazioni dell’Esposizione Universale di Londra, nel 1851, conservata presso gli archivi della Libreria del Congresso degli USA, e ripubblicata da Stuart Rankin.