amore.autostima · armonia · bambini · buone notizie · Comunicazione · cultura · evoluzione · futuro · pensare positivo · stare bene · Testimonianze · umanità

* La buona notizia del venerdì: Quote rosa alla Lego

 

A questo proposito il primo Ministro britannico all’Istruzione Elizabeth Truss invitava a gennaio i produttori a non pubblicizzare i set del “piccolo chimico” esclusivamente ai ragazzi e incoraggiava i genitori ad acquistare più Lego per le propri figlie femmine, per interessarle alle materie ingegneristiche.

Ha dilagato qualche mese fa sui social network la lettera di una bambina di 7 anni che proprio alla Lego chiedeva di creare più personaggi femminili impegnati in attività di lavoro e non solo nel fare shopping o cucinare.

Lo scorso anno, la dott.ssa Ellen Kooijman, geochimica di Stoccolma, aveva presentato il suo progetto composto da scienziate. Scrive nel suo blog:

“Come donna scienziato avevo notato due cose circa i set LEGO disponibili: un rapporto squilibrato maschi/femmine e una rappresentazione piuttosto stereotipata delle figure femminili disponibili. Mi è sembrato quindi logico voler suggerire un set al femminile in cui le donne svolgessero professioni interessanti, così da rendere le nostre comunità LEGO delle città più diversificate”.

scienziate donna nel nuovo set della lego

Un trio tutto al femminile per un nuovo set della Lego.

I nuovi personaggi, un’astronoma, una paleontologa e una chimica, saranno disponibili entro la fine dell’estate. La serie è stata è l’ultima vincitrice del LEGO Idea, un sito web dove gli appassionati hanno la possibilità di caricare online i progetti lego che vorrebbero vedere nei negozi.

Il persistere di stereotipi di genere nei giocattoli ha spinto Debbie Sterling, un ingegnere della Stanford University, ha fondare GoldieBlox, società che produce giochi con l’obiettivo dichiarato di interessare le bambine alle costruzioni, perché più donne scelgano di studiare materie tecnologiche.

goldieblox

In America il dibattito sulla parità investe le bambine, al punto che Sheryl Sandberg, direttore operativo di Facebook, attraverso la sua fondazione LeanIn ha lanciato la campagna Ban Bossy, contro le discriminazioni di genere nell’età infantile.

girl-with-mic

Nel dibattito è intervenuto recentemente anche Björn Jeffery, Ceo di Toca Boca che ha presentato il caso dei 60 milioni di download della loro applicazione quale esempio di come i giochi possano essere neutri dal punto di vista del genere ed avere successo, evidenziando che il perdurare degli stereotipi nei negozi di giochi sia un esempio della scarsa propensione al rischio dell’industria di giocattoli.

I giochi non solo riflettono i valori della società, ma contribuiscono ampiamente a dare forma a questi valori – continua Jeffery – Progettare giocattoli comporta una responsabilità che va oltre la vendita di un pezzo di plastica o, nel caso della mia società Toca Boca, di applicazioni”.

tocaboca_2796821b

Nel mondo digitale in realtà molte app riflettono quanto avviene nell’editoria e nei giocattoli, presentando “principesse” per le femmine – con profusione di rosa fin dall’icona – e “mostri” o giochi d’azione per i maschi. Tuttavia, fortunatamente, gli store online al momento bypassano le divisioni di genere della distribuzione tradizionale, e presentano solo la sezione neutra “bambini”.

Inoltre, chi organizza corsi di programmazione per bambini come Digital Accademia e Coderdojo rileva un uguale interesse da parte di maschi e femmine, tanto che, almeno da questo punto di vista, il digitale ci rende più uguali.

Fonti:

http://www.mamamo.it/#!/content/focus/maschi-e-femmine-giochi-e-differenze-di-genere

http://www.telegraph.co.uk/technology/technology-topics/10584840/The-60m-downloads-that-prove-toys-can-be-gender-neutral.html

http://banbossy.com/

 

Altre buone notizie:

Nuotano tra i coccodrilli per andare a scuola di Marisa Moles

armonia · arte · bambini · Comunicazione · cultura · evoluzione · Leggere · scienza · Testimonianze

* Gli antenati

bambino-automa-700x616

Molto tempo prima della moderna robotica governata dall’elettronica, c’erano gli automi, governati dalla meccanica.

Si tratta di macchine semoventi costruite solitamente in modo da somigliare ad umani o animali o comunque per eseguire compiti in automatico.

La loro storia ha radici estremamente profonde, e li ritroviamo persino nel mondo ellenistico antico, ma qui vogliamo parlare di un automa in particolare: un bambino capace di scrivere, creato dalla mente ingegnosa di un’orologiaio svizzero di nome Pierre Jaquet-Droz (1721-1790).

Il bambino è composto da circa 6.000 parti, ed è battezzato “lo Scrittore”. Si tratta di una macchina non solo auto-operante, ma anche programmabile! E’ in grado di scrivere lettere e parole con una penna ad inchiostro e funziona perfettamente anche a distanza di 240 anni.

automa-scrive-700x481

Anche se i computer ci sembrano un’invenzione recentissima, l’idea su cui si basano (cioè di macchine programmabili per fare calcoli ed operazioni complesse), deriva da secoli di storia del pensiero umano e gli automi sono frutto dello stesso lungo percorso. Si può vedere uno spezzone di un programma della BBC, chiamato “Mechanical Marvels: Clockwordk Dreams”, in cui il Professor Simon Schaffer spiega come funziona questa meravigliosa creazione di Pierre Jaquet-Droz.

(Secondo alcuni, questo automa è anche stato di ispirazione per un film di grande successo presentato l’anno scorso da Martin Scorsese: Hugo Cabret.)

Ma parliamo di come funziona. Questa macchina viene fatta partire grazie ad una manovella che carica tutte le varie mole ed ingranaggi. Una volta fatto, lo Scrittore prende vita. La testa e gli occhi iniziano a muoversi seguendo i movimenti della propria mano e la penna viene anche immersa nell’inchiostro tra la scrittura di una parola e l’altra.

Al cuore dello Scrittore, c’è un blocco di 40 camme con tre braccia che trasportano il movimento al braccio del bambino. A controllare le camme ci pensa una grande ruota, o “disco di sistema”, fatto di lettere che possono essere rimosse, rimpiazzate e riordinate (in pratica rende l’automa una macchina programmabile). Lo Scrittore è in grado di scrivere qualsiasi testo fino a 40 lettere in lunghezza, su 4 righe totali.

Ma questo non è l’unico bambino-automa che Jaquet-Droz ha creato!

Infatti, nel periodo tra il 1767 ed il 1774, ha dato alla vita un trio. Al bambino scrittore si aggiungono una bambina musicista ed un disegnatore.

372-3_Automata_HD-700x464

Attualmente, gli automi continuano ad esistere ma raramente colpiscono la nostra immaginazione come una volta. Sono diventati però un delizioso espediente artistico in tanti casi.

http://history-computer.com/Dreamers/Jaquet-Droz.html

http://en.neuchatelville.ch/profils/residents.asp/1-11-160-21345-10001-1001-1-1-2-1/2-0-1345-10001-1000-2-0/

http://en.wikipedia.org/wiki/Jaquet-Droz_automata

http://it.wikipedia.org/wiki/Automa_meccanico

http://www.ablogtowatch.com/jaquet-droz-the-writer-automata-awesome-antique-android/