ambiente · anima e corpo · armonia · bambini · buone notizie · Comunicazione · cultura · evoluzione · futuro · Pace · pensare positivo · stare bene · Testimonianze

* La buona notizia del venerdì:l’india sta introducendo l’assistenza sanitaria gratuita per 500 milioni di persone

l’india sta introducendo l’assistenza sanitaria gratuita per 500 milioni di persone

Il governo indiano pagherà l’assistenza sanitaria per circa 500 milioni dei suoi cittadini più poveri, con il primo ministro Narendra Modi che dichiara che il paese può raggiungere il suo potenziale solo con una popolazione sana.

Durante un discorso in occasione della giornata dell’indipendenza del paese, Mercoledì, Modi ha affermato: “È essenziale garantire che liberiamo i poveri dell’India dalle grinfie della povertà a causa delle quali non possono permettersi l’assistenza sanitaria”, ha riportato il Times of India.

La Missione nazionale per la protezione della salute, nota anche come “Modicare“, fornirà alle famiglie impoverite una copertura assicurativa sanitaria fino a $ 7.100 all’anno. Questo potrebbe non sembrare molto per gli standard americani, ma in un paese in cui il reddito annuo pro capite è di poco più di $ 1900, farà una grande differenza per coloro che non possono permettersi un trattamento privato.

Gli ospedali pubblici in India offrono assistenza gratuita, ma meno sofisticata. Il sistema è teso fino al punto di crollare, con gli ospedali che lottano per assicurare abbastanza letti e personale per prendersi cura dei malati. La mancanza di accesso per le comunità rurali – dove vive il 66 per cento degli indiani – obbliga le persone a viaggiare molte ore per raggiungere le strutture urbane se vogliono un trattamento. Ciò significa che il settore medico privato si prende cura della maggior parte dei pazienti in India e li accusa di conseguenza.

Quando il progetto è stato annunciato a febbraio, il ministro delle finanze Arun Jaitley l’ha dichiarato “il più grande programma di assistenza sanitaria finanziato dal governo del mondo”. Secondo l’amministratore delegato della missione, Indu Bhushan, “questo sarà un punto di svolta”.

I costi medici sono una delle principali cause di povertà in India. Circa 63 milioni di indiani cadono in povertà ogni anno a causa di bollette sanitarie, e il 70% di tutte le accuse sono pagate direttamente dai pazienti.

Mentre l’India cerca di diventare una superpotenza economica competitiva con gli Stati Uniti e la Cina, i costi paralizzanti dell’assistenza sanitaria e le malattie e le morti prevenibili sono problemi significativi.

L’aspettativa di vita media in India è 69, significativamente al di sotto della Cina, a 76, e degli Stati Uniti, a 79. Il tasso di mortalità per i bambini sotto i 5 anni è di 43 ogni 100.000, e nel 2015 1,2 milioni di bambini sono morti per malattie prevenibili.

Piuttosto che investire nel sistema pubblico, il governo di Modi ha deciso di pagare per gli ospedali privati ​​per raccogliere altro slancio. Il settore sanitario privato è in piena espansione, allontanando il personale da ospedali già cronicamente dotati di risorse insufficienti. Il paese si è promosso come destinazione del turismo sanitario e il valore del settore medico privato dovrebbe triplicare a 133 miliardi di dollari entro il 2020. Ma la rete non è ancora abbastanza grande da assumersi la responsabilità di metà della popolazione del paese.

I medici sono scarsi, con solo uno su ogni 1.315 indiani, secondo quanto riportato dal Washington Post. Modicare eserciterà un’enorme pressione sugli ospedali privati ​​dell’India, e Bhushan ha dichiarato che prevede 5 milioni di operazioni in più e che le strutture dovranno trovare 35 milioni di posti letto in più.

Alla domanda su come gli ospedali avrebbero affrontato l’afflusso, ha semplicemente detto: “Il mercato lo farà”.

A febbraio, ha dichiarato, 8.000 ospedali hanno aderito a Modicare e hanno accettato di fissare i costi per determinate procedure. Ha anche suggerito che l’espansione del pool di pazienti incoraggerebbe gli investitori a costruire più centri medici per soddisfare la domanda.

 

L’India spende solo circa il 4 per cento del suo prodotto interno lordo per l’assistenza sanitaria, di cui solo poco più dell’1 per cento è fornito dal governo, secondo i dati della Banca Mondiale.

Questo è molto al di sotto delle nazioni economicamente avanzate, compresi gli Stati Uniti, che spendono il 17%, anche se questo è probabilmente molto più alto di quanto dovrebbe essere.

Modicare costerà circa $ 1,7 miliardi ogni anno, secondo Reuters. Il primo ministro ha già esteso il budget dell’assistenza sanitaria 2018-19 dell’11,5% a $ 8,3 miliardi in previsione delle pressioni sui finanziamenti.

 


http://timesofindia.indiatimes.com/articleshow/65408790.cms?utm_source=contentofinterest&utm_medium=text&utm_campaign=cppst

ambiente · armonia · bambini · buone notizie · cultura · donne · Energia · evoluzione · futuro · Pace · stare bene · Testimonianze

* La buona notizia del venerdì: Le guerriere del sole

LE DONNE MASAI CHE PORTANO LA LUCE GRAZIE AL FOTOVOLTAICO

 

masai2

È questo il soprannome affibbiato a un gruppo di donne Masai, che al tramonto si mette in cammino con al seguito dei pannelli fotovoltaici portatili. Vere e proprie combattenti, che lottano contro la povertà e il buio portando l’elettricità laddove manca, in Africa.

Girano per i paesi di Kenya eTanzania di casa in casa, portando letteralmente la luce.

I Masai sono una tribù pastorale seminomade distribuita tra Kenya e Tanzania, e la globalizzazione non è stata buona con loro. Molti spesso devono percorrere molti chilometri solo per caricare i loro telefoni.

Ma un nuovo progetto guidato da Green Energy Africa ha portato l’energia solare a 2.000 famiglie della contea di Naiputa, grazie alle donne che vendono gli impianti solari a prezzi accessibili.

Al tramonto, gli agricoltori avevano iniziato a preoccuparsi per i loro bestiami, facili prede di iene e leopardi. E i bambini accendevano i fuochi per finire i compiti, riempiendo le misere case di fumo. O peggio le pericolose lampade a kerosene.

masai

Così, Green Energy Africa ha avviato a settembre dello scorso anno il Werep (Women Entrepreneurship in Renewable Energy Project), con l’obiettivo di “promuovere la partecipazione inclusiva delle donne e dei giovani nello sviluppo attraverso l’energia solare”, portando energia alle persone che ne hanno davvero bisogno e che vivono nelle contee di Kajiado e Makueni.

Come funziona il progetto? 

Green Energy Africa vende alle donne i pannelli solari portatili, le lampade e piccole batterie ricaricabili con uno sconto. Esse a loro volta vendono i prodotti guadagnando circa 300 scellini (3 dollari) ciascuno. Il denaro non va a loro ma viene destinato al conto del gruppo per acquistare altro materiale solare. Le donne, precedentemente formate nell’installazione di pannelli fotovoltaici, in groppa agli asini trasportano così i pannelli di casa in casa in questa regione remota, dando alle famiglie per la prima volta accesso all’acqua pulita e all’energia.

A meno di un anno dall’avvio, l’area è passata da un uso dell’energia solare pari a zero al 20% di oggi. Per le 2.000 famiglie che hanno adottato la tecnologia solare non è stato difficile apprezzarne i vantaggi. Rispetto al kerosene e alla legna, il costo, la convenienza, e benefici per la salute del fotovoltaico hanno convinto tutti.

masai3

Adesso, quando cala la sera, i bambini hanno a disposizione luce per studiare e gli agricoltori e allevatori possono controllare i loro animali grazie agli sforzi delle guerriere della luce, in prima linea in questa rivoluzione solare.

Per noi, l’impatto della tecnologia solare è senza precedenti”, ha dettoJackline Naiputa, che dirige lo Osopuko-Edonyinap, uno dei gruppi di cinque donne che porta l’energia pulita nella zona.

 

Guerra è un termine che non ci piace molto ma in questo caso lasciatecelo passare. Perché le donne Masai hanno davvero intrapreso una battaglia, quella per portare energia pulita a chi finora viveva al buio.

 

http://www.greenme.it/informarsi/energie-rinnovabili/16799-guerriere-sole-donne-masai

http://www.greenme.it/expo-2015/17144-gioielli-solidali-maasai