amore.autostima · anima e corpo · armonia · Comunicazione · cultura · donne · eventi · futuro · Pace · punti di vista · Testimonianze · umanità

* La notizia del venerdì:Il vero Black Friday non ha niente a che vedere con lo shopping

.

Il 18 novembre 1910 sono 300 le militanti della Women’s Social and Political Union che sfilano per le strade di Londra.

In testa una delle leader del movimento: Emmeline Punkhurst e con lei le amiche, le sorelle, le figlie: le donne.

Hanno appena saputo che il Parlamento inglese non avrebbe cambiato la legge per cui le donne non avevano diritto al voto né ad essere riconosciute come cittadine.

Davanti al Parlamento però, le suffragette non ci arriveranno mai.

Il cordone della polizia le ferma prima e, per sei lunghissime ore, vessa le donne in tutti i modi possibili. Manganellate, percosse, pugnalate, spinte, aggressioni, umiliazioni.

Le donne vengono gettate a terra, oppure spinte brutalmente contro le inferriate che dividono la strada dall’ingresso alla Camera dei Comuni.’

Nemmeno Rosa May Billinghurst, nonostante la sua disabilità, che da anni l’aveva costretta alla sedia a rotelle, viene risparmiata. Vigliaccamente viene spinta in una strada laterale, aggredita, mentre alcuni poliziotti le sgonfiano le valvole delle ruote della carrozzina .

In quel tragico venerdì vengono eseguiti 119 arresti: 4 uomini e 115 donne.  

Due di loro moriranno pochi mesi dopo,  in seguito alle percosse e alle violenze subite.

Quel 18 novembre di centodieci anni fa è passato alla storia come il Black Friday: una delle giornate più eroiche e contemporaneamente più nere della storia dell’umanità.

Questa è una storia con la esse maiuscola, quella che ci ricorda che i diritti sono una conquista pagata a caro prezzo e per questo vanno difesi, perché sono preziosi, ma anche fragili.

Il coraggio e la determinazione delle donne che si battono contro un uso sessista, discriminante e distorto del potere, esercitato attraverso gli arresti, la violenza degli abusi anche sessuali…tutto questo è il vero Black Friday

La traduzione letterale di Black Friday è “Venerdì Nero”. L’origine di questa denominazione non è certa. La più accredita vuole che sia stata coniata dalla polizia di Filadelfia negli anni ’30 e si riferisca agli ingorghi stradali causati dalla corsa allo shopping già molti anni fa negli USA, in periodi in cui tutte le auto erano di colore nero. L’altra spiegazione si riferisce alle cifre degli utili sui bilanci, tradizionalmente scritte in nero rispetto al rosso delle perdite: con il Black Friday, vuole la tradizione, i commercianti possono risollevarsi e sventare i rischi di bilanci in rosso.

E ovviamente la corsa allo shopping viene associata alle donne.

Vogliamo ricordare che invece è una data che ha segnato il percorso dell’emancipazione femminile ?.

Facciamo in modo che il Black Friday non sia ricordato solo come la giornata delle lunghe code per comprare, comprare, comprare …qualsiasi cosa purchè sia a buon prezzo

Il Black Friday è stata una giornata di lotta per la cittadinanza, per i diritti, per la parità e l’equità che hanno pagato a caro prezzo quelle suffragette per regalarci qualche libertà .

Purtroppo c’è ancora molto da fare e non solo per le donne e lo dimostrano le grandi manifestazioni di protesta attualmente in quasi tutto il mondo.

leggi anche:

https://lauracarpi.com/2020/11/25/a-che-serve-la-giornata-internazionale-contro-la-violenza-sulle-donne

https://www.huffingtonpost.it/entry/il-black-friday-non-ha-niente-a-che-vedere-con-lo-shopping

https://www.museumoflondon.org.uk/discover/black-friday

https://brunolibri.wordpress.com/2020/11/25/25-novembre/?

 

ambiente · amore.autostima · armonia · buone notizie · Comunicazione · cultura · eventi · evoluzione · Fantasia · futuro · pensare positivo · stare bene · Testimonianze · umanità

* La buona notizia del venerdì: Combattere il machismo si può ….lavorando a maglia

Combattere il machismo lavorando a maglia. I «tessitori» cileni conquistano il web

Si fanno chiamare «i tessitori» e hanno un progetto ambizioso: scardinare la società patriarcale cilena rendendola più tollerante e meno machista.

Un modo per lottare contro gli stereotipi e per promuovere una nuova immagine del maschio cileno (Facebook) 

Il lavoro a maglia, secondo la tradizione sudamericana, è un’attività prettamente femminile ed è proprio per questo che, soprattutto in Sud America, se a praticarlo sono i maschi l’effetto sociale è garantito.

E proprio su questo hanno deciso di puntare questi ragazzi del Cile, autori dell’ambizioso progetto Hombres Tejedore, il cui obiettivo è quello di scardinare la società sessita cilena rendendola più tollerante e meno patriarcale.

Da quasi un anno questo gruppo si riunisce, almeno una volta al mese, in un luogo pubblico della capitale Santiago e si mette a cucire o a fare la maglia.

Il gruppo che ha dato vita all’iniziativa è formato da 12 uomini di età compresa tra i 26 e i 42 anni: “Tutti facciamo mestieri diversi. Ciò che ci unisce, è che siamo cresciuti in una società patriarcale che ci dà un ruolo ben preciso: un uomo non deve essere sensibile, non può piangere, deve essere forte” ha detto Higuera.

Lo scopo è quello di combattere le disuguaglianze: “Crediamo che oggi queste disuguaglianze di genere dovrebbero scomparire. In primo luogo, perché le donne sono quelle che hanno sofferto maggiormente per questo maschilismo, ma anche per dare a noi uomini la possibilità di liberarci di questo ‘ruolo’ che ci è stato attribuito“.

Per un uomo lavorare a maglia non è solo vergognoso, ma anche pericoloso perché c’è chi potrebbe vedere in quest’iniziativa un modo per mettere in discussione la posizione del maschio nella società“.

Ci consideriamo un gruppo femminista, egualitario, che è contro la discriminazione degli omosessuali… Ma, soprattutto, vogliamo cambiare l’immagine dell’uomo nella società cilena e permettere a ognuno di vivere come vuole“.

In meno di un anno la pagina Facebook del gruppo ha raggiunto oltre 85.000 like e l’iniziativa è stata esportata anche in altri Paesi dell’America Latina. 

Richieste di collaborazione sono giunte dai diversi angoli del mondo: “I nuovi tessitori arrivano anche dalla Germania e dall’Ucraina“, hanno fatto sapere dal gruppo.


Fonte:

http://www.corriere.it/foto-gallery/moda/news/17_gennaio_13/combattere-machismo-lavorando-maglia-tessitori-cileni-conquistano-web-8e170350-d9a4-11e6-952e-58991072e757.shtml?cmpid=SF020103COR

BRAVI!

https://lauracarpi.wordpress.com/tag/lavorare-a-maglia/

https://lauracarpi.wordpress.com/2015/05/29/la-buona-notizia…-anche-ai-maschi/