* Quante informazioni dalle stelle in questo 20 novembre! Tutto viene alla luce! Attenzione ai segnali che indicano il percorso!


Il 20 novembre sembra essere un tempospazio carico di informazioni.

marte entra in scorpione, mercurio torna diretto, venere quadra alla luna nera e inizia l’onda incantata della scimmia blu (kin 131/143) –

Intanto Marte ha fatto l’ingresso ufficiale nel suo Segno antico, lo Scorpione, ed il materiale emozionale portato in superficie da Mercurio nelle ultime tre settimane viene preso e portato all’esterno.

Quindi attenzione! Ciò che languiva dentro le profondità del cuore ora si rivela, e non sempre sarà possibile mantenere un contegno civile. L’energia vitale preme per essere espressa, facendo calare le maschere. 

Questa sera Mercurio stesso torna in moto diretto.

Tutto viene alla luce, diventando chiaro e lampante.

Ripeto: attenzione! A non farsi troppo sorprendere da ciò che vuole essere svelato; a rimanere con il cuore aperto, perché anche le peggiori situazioni possono rivelare qualcosa di bello e di nutriente, anche se lì per lì può non sembrare.

Prendiamoci il tempo di notare se possiamo stare in accoglienza di ciò che accade, perché dietro ad ogni evento c’è sempre la Sincronicità che si muove.

Anche la Quadratura di Venere in Sagittario con la Luna Nera a 22° Pesci non aiuta a mantenere uno stato di stabilità.  

I toni potrebbero alzarsi perché nessuno è più disposto a sopportare.

Non possiamo più agire come i bambini bravi e ubbidienti.

E’ il tempo del riscatto, della rivalsa, della restituzione di ciò che fu ingiustamente tolto.

Ricordo che siamo nel terzo giorno della 33′ Armonica, il tempospazio di 4 giorni mistici al centro dello Tzolkin (Kin 129/130/131/132).

Siamo nel Cuore del Modulo Armonico, nel Cuore della Galassia, nel Cuore del Sole, nel Cuore della Terra, nel Cuore degli Umani.

Ricordiamoci che stiamo camminando nel Vuoto per entrare in un nuovo ciclo, che va dal Kin 133 al 260.

Possiamo vedere il rovescio di ciò che abbiamo sempre pensato fosse la vera faccia delle cose. Cosa si nasconde dietro? Quali particolari notiamo?

Inizia anche l’Onda Incantata della Scimmia Blu; le qualità del suo Tempo aprono spiragli nella quotidianità in cui notare il vero volto della realtà, ciò che a volte sfugge all’attenzione, ma che i nostri sensi superiori possono cogliere.

E’ tempo di cambiare stato di coscienza, risvegliando l’attenzione alla materia di cui sono fatti i Sogni. Se ci fidiamo a seguire determinati segnali, essi mostreranno una rete di connessioni sincroniche e precise.

E’ una mappa che indica il percorso per  arrivare esattamente là dove siamo attesi.

E anche puntualmente!

In lak’ech!

https://ashtalan.blogspot.com/2019/11/20112019-marte-entra-in-scorpione.html?fbclid=IwAR2IR0RG3PgKIZC5rkJX0jEk1YNSCUvDSI9zOTzYWDguHQmd1DGN10MiRPw

* Marte in Scorpione: La paura della morte è uno strumento per passare all’oltre e toccando il profondo conosci l’immenso in te.

Dal 09 dicembre 2017 al 26 gennaio 2018 Marte transita nello Scorpione, il Segno d’Acqua di cui è anche Governatore.

Nell’era moderna è stato assegnato Plutone alla reggenza dello Scorpione, scoperto nel 1930, ma quando l’antico Archetipo Marte transita in quella zona zodiacale, la sua presenza non passa mai inosservata.

Esso sa spalancare le Porte delle Percezioni del Profondo, mettendoci in contatto con il Senso della Morte, della Fine Imminente, dell‘Ineluttabilità dell’Esistenza e dei suoi pesi.

Tuttavia questa è anche la strada che conduce anche al senso di Immortalità e Trascendenza delle Forme, al Processo Alchemico che trasmuta la materia in Oro, la densità in coscienza di sé.

Questo attuale transito assume una valenza molto particolare per la presenza di Giove nello Scorpione.

Quest’ultimo ha già aperto un varco molto grande dentro le forme che abbiamo dato alle nostre paure.

Ora Marte ci dona un talento, una risorsa, per affrontarle, viverle, integrarle. Il Vuoto diventa Casa, la paura diventa senso di protezione, argine, contenimento, suggerendoci tempistiche e modalità.

La paura può essere una grande alleata perché avvisa dove, come e quando. Basta ascoltarla  senza diffidenza. Soprattutto diventa importante più che mai posizionarsi come Osservatore, ampliare il respiro al punto di andare dentro l’Oltre per sentirsene parte.

Può essere difficile all’inizio, perché siamo usi farci prendere dentro i vortici emozionali (e con Marte congiunto a Giove balleremo una bella samba), ma diventa fondamentale – ed è una questione di allenamento, decidendo quale sia la prospettiva giusta da cui guardare noi stessi vivere.

Presto la congiunzione tra l’Archetipo dell’Intensità (Marte) e quello dell’Espansione (Giove) sarà stretta (dal 27.12 al 18.01 circa), garantendoci una Fine d’Anno focalizzata sull’osservazione di ciò che è, qualunque cosa sia.

Ciò che vedremo ci permetterà di sfruttare un flusso di chiarezza che arriva grazie al Trigono di Marte con Nettuno in Pesci (a significare le illusioni, il senso di vittimismo, nella sua accezione in ombra – il rendere se stessi sacri è la sua valenza in luce), più o meno della stessa durata. 

Il Buio dell’Inconscio  contiene tante situazioni che ci hanno spaventato, che la Mente ha scartato per difesa. Come protezione sono state create realtà parallele, illusioni, proiezioni.

Ora è possibile illuminare quella parte, liberando tutta l’energia psichica impegnata nella protezione e nella difesa.  

Sincronicamente il transito di Marte in Scorpione inizia il 09.12 alle 09.09 UTC, Sole Giallo Intonante, Kin 200, giorno 5 dell’Onda Incantata del Guerriero Giallo. Il Sole Giallo è chiarezza, il suo Archetipo Galattico è l’Illuminato, colui che ha trasceso se stesso. L’orbita planetaria a cui questo Glifo è collegato è quella di Plutone, Governatore dello Scorpione, così la funzionalità di Marte nel suo viaggio è molto più efficace nell’abbattere le barriere che ci tengono aggrappati alle illusioni. 

Fino al 17 dicembre viaggiamo dentro il tempospazio dedicato allo sviluppo del Discernimento, la forza del mentale brillante che suggerisce sempre quale sia la mossa migliore nel momento migliore.

Sincronicamente Marte inizia il suo lavoro nell’Abisso con uno strumento molto potente che porta Luce nel Buio.

Ricordo che i Glifi collegati all’orbita di Marte sono l’Allacciatore dei Mondi Bianco e il Viandante dei Cieli Rosso, che si prendono cura della relazione con la Morte e con l’Ignoto, due qualità estremamente scorpionine.
Per chi non conosce il Sincronario Maya Galattico delle 13 Lune di 28 giorni e la sua Astrologia, ecco il LINK.
Chi vuole calcolare la propria Identità Galattica, ecco il LINK.

Consideriamo pure che Plutone, Governatore dello Scorpione, transita in Capricorno, entrando in primavera in congiunzione con la Luna Nera, altro Archetipo scorpionino che ci mette in contatto con il nostro Oltre, con il senso di ribellione e il non voler più accettare ciò che ci limita.

Tutti i processi di trasformazione che iniziano in questo momento proseguiranno nel tempo, portandoci in posizioni completamente diverse rispetto ad oggi.

Dal punto di vista astrologico, questo è il carattere del 2018, tanto vale entrare nel flusso e lasciar andare definitivamente.

Come sempre, auguro un buon viaggio a tutti. Qualunque difficoltà nasce dall’altezza del muro di protezione che abbiamo intorno.

Piano piano, respirando e volendo dare spazio alla nostra verità, ecco che non è più necessario rimanere tenacemente fermi nel controllo, così da lasciare spazio alla vita che si fa attraverso noi.

…………………………………………………………………………………………………………………

Allora eccoci qui alle prese con un passaggio epocale.

L’ultima volta che si è verificata una congiunzione tra Marte e Giove in Scorpione è stato nell’autunno del 2006 – davanti a quale baratro ci siamo trovati allora? Abbiamo coltivato le nostri ali abbastanza da permetterci il volo al di sopra del Vuoto?

A ognuno la propria riflessione.

Stefania Gyan Salila


http://ashtalan.blogspot.it/2017/12/09122017-marte-entra-in-scorpione-nel.html

http://ashtalan.blogspot.it/2017/12/marte-in-scorpione-ed-il-passaggio.html

* Tutta per noi l’Energia prorompente di Marte così vicino vicino

Il-confronto-tra-la-Terra-a-sin.-e-Marte

Oggi 30 maggio il pianeta Marte si troverà alla distanza minima dalla Terra, a 75,28 milioni di km.

Anche se sarà meno luminoso rispetto al 22, quando si ritrovò allineato al Sole e alla Terra, nel suo cammino attraverso il cielo Marte questa sera si ritroverà a passare ancora più vicino a noi, lungo la sua orbita attorno al sole. 

Domenica 22 maggio, il pianeta rosso ci regalò una bellissima immagine di se, trovandosi a un diametro angolare di 19 secondi d’arco e alla massima luminosità (mag. –2,06).

Ricorda l’Uai che il pianeta si muove con moto retrogrado (ossia quando un corpo celeste si muove nel verso opposto al moto diretto, cioè nel verso contrario a quello normalmente atteso, NdR) attraversando in queste notti la parte superiore della costellazione dello Scorpione, fino a tornare nella Bilancia ieri 29 maggio.

Sarà un evento da non perdere visto che il prossimo grande appuntamento sarà il 31 luglio 2018, quando Marte sarà ancora più vicino alla Terra.

Nella sua orbita attorno al sole, infatti, il pianeta rosso raggiungerà una distanza ancora più ridotta rispetto a quella di oggi, a 57,6 milioni di km.


marte-scorpione-001

Marte entra in movimento retrogrado nel segno dello Scorpione.

Da sabato 28 maggio fin al 28 giugno, il suo movimento retrogrado si sentirà tantissimo; poi dal 29 giugno ritorna diretto, uscendo dallo scorpione a fine luglio.

Quando questo pianeta è in questa fase di retrogradazione, significa che è nel suo punto massimo di vicinanza al pianeta terra. Il suo influsso è forte, la sua energia penetra in ogni nostra cellula facendola vibrare più di ogni altro transito.

Ricordo che Marte è il pianeta della volontà, del coraggio, della determinazione, della conquista e della forza energetica. Nel nostro tema natale di nascita, se in buon aspetto, ci permette di realizzare tutto quello che ci siamo prefissati, con volontà, determinazione e con l’aggiunta di una buona dose di coraggio.

Quando è retrogrado, il suo posto nell’universo è di opposizione al sole. Due energie vibranti, forti che creano, grazie proprio a questa configurazione, un’energia ancora più intensa.

Quando un pianeta è retrogrado, la sua energia verso l’uomo fa si che questi si rivolga all’interno di se, elaborando con vibrante determinazione, i suoi aspetti più reconditi.

Se poi lo mettiamo nel segno dello Scorpione, ecco che la persona è chiamata a distruggere quelle parti della sua vecchia personalità che hanno finito per allontanarlo dagli altri, dalle situazioni favorevoli, dalle occasioni di successo; invece, spesso, si tende a distruggere se stessi e quelle parti positive che ci farebbero divenire essere illuminati invece che animali, con potenzialità spirituali.

Marte in questo periodo, ci consentirà di elaborare tutti gli aspetti negativi, le paure, i blocchi emotivi, che sono causa dei nostri fallimenti. Un lavoro certosino, se consideriamo che è Mercurio che dirige l’orchestra, il pianeta dei dettagli.

Marte delle prossime settimane, è un enorme bisturi che opera chirurgicamente tutti i nostri cuori a cielo aperto. Taglia, rimuove, aggiusta. Lasciamogli fare il suo lavoro con fiducia e ritrovato ottimismo.

Lo Scorpione, si sa, è un segno particolare.

Marte ne esalta le qualità che sono di volontà, determinazione e intensità. Non ci penseremo tanto a tagliare cose, persone, situazioni che stanno limitando la nostra crescita. In alcuni casi saranno veri e propri scontri personali, guerre contro un nemico che vuol impedirci di esprimere la nostra bella luce. Benchè il mito di Lucifero viene associato al pianeta Venere per la sua lucentezza, prima stella a comparire la sera, invece è Marte quando transita nel segno scorpione che esalta questo mito.

Lucifero (portatore di luce) nella mitologia religiosa è un angelo caduto che si mette contro Dio e combatte per distruggerlo, per annientare la sua forte luce. Ora, se riportiamo il concetto di fisica quantistica in questo contesto, la materia ci viene spiegata come “energia caduta”.

Possiamo vederci similitudini con Lucifero: se così fosse, ognuno di noi è un Lucifero che combatte tutta la sua vita per esprimere la sua vera luce. Continuamente ci ribelliamo agli eventi che ci sconfiggono, che ci fanno soffrire e spesso diamo la responsabilità ad un Dio ipotetico che ci costringe a vivere continue prove.

Ma nel suo aspetto positivo, questo mito ci spiega che ognuno di noi nasce per scoprire, in questo viaggio chiamato vita, le proprie potenzialità, il proprio talento, la propria luce.

 

maxresdefault

 

In questo periodo, il lavoro emozionale serve proprio a ricercare dentro di noi la fiamma luminosa della nostra consapevolezza, esprimendo chi siamo, e accorgendoci che alla fine, siamo esseri spirituali che fanno un’esperienza materiale.

Fino alla fine di luglio, incontreremo tante prove con le quali dovremo fare i conti, ma che saranno lo strumento che ci farà crescere e, se lo vogliamo, essere in armonia con noi stessi.

Raggiungere l’armonia degli opposti è lo scopo di questo transito.

 

FONTE:http://akash.it/marte-retrogrado-in-scorpione-il-mito-di-lucifero/