anima e corpo · armonia · Astrologia · astronomia · evoluzione · Riflessioni · Testimonianze

* Invocazione al Sole

Sole, che solo illumini il tutto.

Apollo,inventore del canto,faretrato, arciere,signore delle frecce.

Pizio,coronato di alloro,divinatore, pastore,vate, augure e medico.

Febo, roseo,dalla lunga chioma, belcrinito, dorato, splendente, sereno, suonatore di cetra, cantore e rivelatore del vero.

Titano, Milesio, Palatino, Cirreo, Delio, Delfico, Leucadio, Tegeo, Capitolino, Sminteo, Ismenio e Laziale.

Tu attribuisci agli elementi nature mirabili;secondo ciò che tu dispensi si gonfiano e si placano i mari, si turbano e si rasserenano aria ed etere, ed ugualmente si accresce vivida e si attenua la forza e l’intensità dei fuochi.

Per il tuo ministero vive la compagine di questo universo, mentre attraverso le ragioni contenute nell’anima del mondo fai discendere dalle idee, fino a noi e sotto di noi, le forze imperscrutabili delle cose, dalle quali poi derivano le virtù varie e molteplici delle erbe, delle altre specie di piante e delle pietre,che attraverso i raggi delle stelle acquistano il potere di trarre a sé lo Spirito del Mondo.

Accogli con benevolenza i miei voti, se a Te mi accosto con animo attento e casto, se per quanto posso mi presento a Te con riti degni. Ecco, ti innalzo altari propizi, hai qui incensi odorosi, il fumo del sandalo rosseggiante.

Ho fatto innalzare il fumo di sette specie di incenso per ciascuno dei sette principi del mondo.

A te mi rivolgo Sole Meridiano, per la potenza mirabile con la quale tu solo compi opere innumerevoli, per i rapidi passi dei tuoi cavalli impetuosi, con cui riportando alla Luce tutte le cose percorri i due oscuri emisferi.

O Sole tu che sei detto Ulio, Alessicaco, Fanes, Horus, Apollo di giorno, Dioniso di notte e Diespiter.

Tu che in forma mediata mi trasmetti la tua virtù attraverso l’Oro, il Giacinto, il rubino e il carbonchio (diamante), tu principe del Mondo, occhio del Cielo, specchio della Natura, opera architettonica dell’ Anima del Mondo, sigillo impresso dell’Alto Architetto,vieni ad assistermi.

.(Tratto Dal Canto Circe di Giordano Bruno, Nolano)