ambiente · amore.autostima · architettura · armonia · arte · buone notizie · casa · Comunicazione · eventi · Fantasia · pensare positivo · stare bene · Testimonianze

* La buona notizia del venerdì: Arte e artisti da tutto il mondo ospiti nel condominio- museo!

A Torino il degrado urbano si combatte con l’arte grazie a un condominio-museo 

Combattere il degrado urbano con l’estro creativo, attraverso il potere della bellezza. È questa l’idea rivoluzionaria da cui è nato viadellafucina16, il primo condominio-museo al mondo.

Ubicato a Porta Palazzo in via La Salle 16, a Torino, l’edificio oltre ad ospitare opere d’arte, affreschi ed esibizioni artistiche, è anche teatro di un innovativo programma di residenza per artisti che arrivano da tutto il mondo. 

CONDOMINIO MUSEO TORINO

 

L’obiettivo del progetto è, come si legge sul sito di viadellafucina16, “attivare nuove e durevoli forme di socialità attraverso percorsi di co-creazione e cura collettiva degli spazi”.

I progetti infatti vengono scelti dagli stessi abitanti del condominio (oltre 200 inquilini di ogni nazionalità distributi in 53 appartamenti) con la mediazione di un board curatori e di addetti ai lavori. Tra i criteri presi in esame anche la capacità di coinvolgere la comunità dello stabile e del quartiere nella progettazione e nella realizzazione delle opere.

Questo progetto di rinascita urbana ha preso vita grazia alla vittoria del bando «S’illumina» della Siae, sostenuto dal ministero per i Beni e le Attività culturali (Mibact), che ha permesso ai promotori di riqualificare lo stabile di via La Salle 16 (prima si chiamava via della fucina, nome a cui si ispira il condominio-museo).

Edificato nell’Ottocento con una struttura maestosa, negli anni la palazzina è stata progressivamente abbandonata sino a ridursi a una condizione di quasi totale degrado. Ciononostante nel palazzo hanno continuato a vivere circa  duecento inquilini, disposti in cinquantatré appartamenti, che grazie all’impegno e alla dedizione dei promotori di viadellafucina16, tra cui l’artista Brice, che sta per Fabrizio Coniglio, oggi vivono all’interno di un vero e proprio museo.

bty

Questo è da sempre il mio quartiere preferito – quello di Porta Palazzo (ndr) – dove il grande condominio rappresenta un luogo che mette in connessione spazio pubblico e privato – ha spiegato Coniglio a Francesca Bonazzoli in un’intervista sul Corriere della Sera – Il nostro intento è fare un esperimento di rigenerazione urbana attraverso il potere dell’arte e della bellezza”. E si può dire che, pian piano, questo progetto sta prendendo forma arricchendosi anche degli stimoli che un quartiere multietnico come Porta Palazzo può mettere a disposizione. Al suo interno, infatti, dopo un secolo di migrazioni provenienti dal Sud Italia, transitano i nuovi migranti che arrivano, ad esempio, da Cina, Senegal, Romania e Pakistan. Una babele di etnie che prende forma nel condominio di via La Salle 16, dove inquilini di ogni nazionalità convivono con stili di vita ed orari totalmente diversi.

Il progetto consiste nel permettere ai condòmini di ospitare per qualche mese degli artisti, i quali hanno la possibilità di sviluppare un progetto ad hoc per le parti comuni del condominio: dalle scale alla portineria, arrivando fino al terrazzo e al giardino. Le opere nel loro complesso vanno a formare una collezione d’arte condominiale aperta a chiunque voglia visitarla, proprio come un museo.

VIADELLAFUCINA16

Gli artisti che si sono presentati a Torino per questo progetto hanno risposto a una call internazionale e si sono messi a lavoro dopo aver sottoposto le loro idee all’assemblea di condominio, che aveva il compito di approvarle. Il fine di viadellafucina16, spiegano i promotori, è quello di “attivare il dialogo tra le diverse comunità che abitano il condominio e favorire la riqualificazione del maestoso edificio ottocentesco, che viveva uno stato di trentennale degrado e abbandono”. E proprio grazie a questo progetto, la struttura è rinata ed è diventata il luogo ideale dove sperimentare la pratica artistica “come fattore di rigenerazione estetica, sociale e culturale”.

Un esperimento unico nel suo genere che in itinere viene monitorato da una serie di giovani sociologi e antropologi dell’Università di Torino che, nella portineria del palazzo, hanno stabilito la loro base operativa. 

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook ViadellaFucina16 condominio-museo.

Fonte:

nonsprecare.it Condominio museo Torino

Big City Life, il museo a cielo aperto di street art a Tor Marancia,

 

ambiente · anima e corpo · animali · buone notizie · Comunicazione · cultura · eventi · Fantasia · futuro · Pace · pensare positivo · stare bene · Testimonianze · umanità

* La buona notizia del venerdì: Ora c’è il portinaio di rione!

“A chi lascio il cane o le chiavi?”


A Bologna in Strada Maggiore, nel cuore della città, un nuovo servizio sul modello parigino “Lulù dans ma rue“: “ il portinaio di rione

“Aiutiamo le persone con una catena umana che si era perduta”

Un posto dove lasciare il cane mentre si va a fare la spesa, al quale affidare una copia delle chiavi, dove cercare aiuto per una stanza in affitto o per fare lavoretti a prezzi modici.

A Parigi esiste dal 2015 e si chiama “Lulù dans ma rue“: è un chioschetto simile a un edicola, a pochi passi da Place Des Vosges.

L’ha fondato Charles-Eduard Vincent, un esperto di economia sociale “per rimettere al centro l’umanità e l’ottimismo”. In due anni, secondo Le Parisien, conta già 8.500 clienti.

 

 

Dall’altra parte delle Alpi non lo sanno, ma da gennaio Lulù è sbarcata anche a Bologna. L’associazione “Percorsi” ha aperto un negozio in fondo a Strada Maggiore, ispirandosi al modello francese, e gli iscritti sono già una ventina.

Dentro, seduta su uno sgabello, c’è la presidente, Anita Della Monica. Ha avuto l’idea insieme alla sua amica di sempre, Rita Bernardoni. Anita aveva un negozio di stoffe, Rita lavora tuttora in un bar in via Altabella.

Siamo attive da anni nel volontariato — spiegano — Facciamo parte dell’associazione “Torleone Insieme” che si occupa di ripulire la strada, ma volevamo fare di più”.

Così è nato “Percorsi”. “E’ un cortile — dicono — una portineria di stradauna maniera per aiutare le persone senza essere invadenti, con molta dignità. Vogliamo ricostruire una catena umana che si è persa: c’è tanta solitudine e molta vergogna di chiedere, specie tra gli anziani”.

Per associarsi bisogna fare una tessera da cinque euro: dietro al nome c’è una fotografia delle Due Torri, col sottotitolo: “Una porta aperta alla città“.

Nel modulo, oltre alle proprie generalità, l’associato deve indicare cosa sa fare: “videomaker”, “sarto”, “falegname”. I servizi non sono a pagamento, ma chi vuole dare una mano all’associazione (che non ha fini di lucro) può comprare qualcosa: vestiti di seconda mano, tessuti avanzati dal vecchio negozio di stoffe di Anita, borse, oggetti comprati dall’Ant o dal mercatino di Piazza Grande in via Staligrado.

Ad Anita e Rita basta pagare l’affitto.

I locali — spiegano — sono della Curia, paghiamo un canone di 300 euro al mese e per il momento siamo sempre riuscite a saldarlo. Qui nessuno guadagna niente, lo scopo è mettere in relazione le persone”.

Come?

Abbiamo messo in contatto una signora che aveva bisogno di arredare la sua casa, ma non aveva soldi, con un’altra che aveva dei vecchi mobili di cui voleva disfarsi. L’altro giorno abbiamo tenuto il cane per un signore malato. Un’anziana ci ha cucito delle borsette e ci ha chiesto di metterle in vendita, per arrotondare la pensione. E c’è un signore di Imola che viene una volta alla settimana: fa le file in Posta per tutti”.

Non hanno un sito web e non sono su Facebook, ma le conoscono già tutti, in quartiere, soprattutto gli anziani. È bastato il passaparola!

 

 

 

 

fonti:

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/03/04/news/_a_chi_lascio_il_cane_o_le_chiavi_a_bologna_nasce_il_portinaio_di_rione-159747938/

http://www.dissapore.com/notizie/conad-cani-nei-carrelli/

http://www.cosedicasa.com/il-cane-pensione-o-dog-sitter-se-non-puo-venire-in-vacanza-con-noi-22547/